BasketCaffe.com










  • Ultimo treno per The Big Ticket?

    31/10/2014 | Commenta
     

    I’m in better spirits because I know what I’m here to do this year and I’m here to enjoy this. You never know when it’s going to be your last“.
    Queste le parole di Kevin Garnett in una dichiarazione di fine settembre. “Non sai mai quando sarà l’ultima volta” e, per The Big Ticket, l’avventura in NBA non è ancora pronta a scrivere la sua parola “fine”.

    Scelto alla quinta assoluta dai Minnesota Timberwolves nel Draft del 1995, l’ala grande da Farragut Career Academy ha scritto pagine indelebili nella mente di qualsiasi appassionato di basket a stelle e strisce. A partire dal fatto che è stato il primo giocatore dopo vent’anni ad essere draftato direttamente dalla high school e, per allora, il più giovane di sempre ad aver calcato un parquet NBA (19 anni e 11 mesi).

    » LEGGI TUTTO



  • Notte NBA: Melo rovina il ritorno di King James, OKC ancora ko

    31/10/2014 | 16 commenti
     

    Curiosità

    Partita da dimenticare per LeBron James al suo tanto atteso ritorno a Cleveland. I 17 punti sono frutto di un tragico 5/15 al tiro, con 1/9 da fuori il pitturato e 1/5 da oltre l’arco. E’ il primo match in carriera per il Prescelto con almeno 8 turnover accompagnati da meno di 20 punti e meno di 5 assist (4). Con James in panchina i Cavs, incredibilmente, sono in positivo sui Knicks (+8), ma al termine perderanno 90-95 a causa del -13 con lui sul parquet. Ciò conferma il suo pessimo trend negli esordi (5-7), soprattutto con Cleveland (2-6).


    Non se la passano meglio i Thunder che, dopo Kevin Durant e Reggie Jackson, perdono anche Russell Westbrook. Nella passata stagione senza i due, OKC ha segnato soltanto 93.4 punti con 20.4 assist a partita, sebbene abbia mantenuto un plus/minus di +7 nei 793 minuti in questione. Nonostante i 32 punti con 10/17 al tiro di Perry Jones, però, i Thunder perdono la loro seconda partita consecutiva contro i Clippers e ora sono 0-2 in stagione.

    » LEGGI TUTTO


  • Frank Vogel nuovo contratto - © 2014 twitter Indiana Pacers

    Stagione di transizione o nuovo inizio per i Pacers?

    30/10/2014 | Commenta
     

    La sconfitta subita contro i Miami Heat nelle scorse Finali di Conference ha segnato per gli Indiana Pacers un punto di svolta per il loro futuro a breve termine; la squadra di coach Spoelstra infatti ha saputo mettere a nudo i tanti difetti di quella di coach Vogel che, per altro, nella parte finale della stagione regolare e per tutti i playoff ha fatto una fatica incredibile a trovare ritmo, giocando in modo quasi opposto a quanto fatto vedere la stagione precedente e nella parte iniziale di quest’ultima.

    » LEGGI TUTTO



  • Notte NBA: debuttano male Wiggins e Parker, ritornano bene Rose e Rondo

    30/10/2014 | 15 commenti
     

    Curiosità

    Debutti dei rookie in NBA: Jabari Parker in 37 minuti, 8 punti (3/9 al tiro e 2/2 ai liberi), 4 rimbalzi. Nerlens Noel in 35 minuti 6 punti (2/11 al tiro e 2/6 ai liberi), 10 rimbalzi e 3 stoppate. Andrew Wiggins in 19 minuti 6 punti (2/5 dal campo e 1/2 ai liberi), 3 rimbalzi, 2 recuperi.


    I ritorni dagli infortuni: Rajon Rondo chiude con la doppia-doppia da 13+12 (anche 7 rimbalzi) in 30 minuti. Derrick Rose in 21 minuti firma 13 punti (3/7 al tiro e 7/8 ai liberi), 3 rimbalzi, 5 assist, 2 recuperi. Danilo Gallinari vince il derby italiano contro Datome (che però non entra in campo) ma segna 7 punti tirando malissimo (1/8 dal campo, 1/5 da tre) prendendo 3 rimbalzi e 2 assist in 18 minuti.

    » LEGGI TUTTO



  • Gli “Splash Brothers” italiani

    29/10/2014 | Commenta
     

    Il paragone con la coppia Stephen Curry-Klay Thompson è senza dubbio azzardato e al momento ancora non può essere fatto, ma a Reggio Emilia dopo le ultime partite e prestazioni, la coppia formata da Amedeo Della Valle e Federico Mussini si è meritata questo soprannome. Gli “Splash Brothers” italiani hanno esaltato i tifosi emiliani anche nell’ultima incredibile partita di campionato di serie A giocata contro Varese e vinta dopo addirittura 3 supplementari per 118 a 112, in cui i due giovani italiani (Della Valle è del 1993, Mussini del 1996) sono stati assoluti protagonisti (insieme al compagno Cinciarini).

    » LEGGI TUTTO



  • Notte NBA: Anthony Davis è già da record

    29/10/2014 | 18 commenti
     

    Curiosità

    Ottimo debutto per Marco Belinelli che nella vittoria degli Spurs dopo la consegna degli Anelli, chiude con 15 punti in 30:45 minuti, partendo in quintetto, con 2/2 da due, 3/6 da tre, 2/2 ai liberi, 2 rimbalzi e 3 assist.


    Partita clamorosa per Anthony Davis che trascina i Pelicans alla vittoria sfiorando la tripla-doppia e diventando il primo giocatore a chiudere la prima partita dell regualr season con 25 punti, 15 rimbalzi e 9 stoppate (pareggiato il career-high) dal 1973/74, anno in cui si iniziano a conteggiare le stoppate.


    La coppia di lunghi di New Orleans Anthony Davis-Omer Asik è la prima coppia a chiudere con almeno 15 rimbalzi e 5 stoppate ciascuno nella stessa partita dai tempi di Tim Duncan e David Robinson nel 1998.

    » LEGGI TUTTO



  • New Orleans Pelicans: una squadra in ascesa

    28/10/2014 | 5 commenti
     

    I Power Rankigs di inizio stagione sono un terreno scivoloso, nel quale non è raro cadere in trappole che possono riservare brutte figure per chi li stila. Stupisce che ESPN abbia messo, nel suo rituale Power Ranking settembrino, i Pelicans al diciassettesimo posto complessivo nella Lega e al decimo nella Western Conference. La squadra della Louisiana è infatti una di quelle con il maggior margine di crescita (inteso come incremento di vittorie) e le 34 vittorie della passata stagione saranno verosimilmente migliorate dai ragazzi di Monty Williams, così come è facile aspettarsi un miglioramento della dodicesima posizione nella Western Conference e dell’ultima nella Division.

    La chiave di questi miglioramenti non può che essere la salute di due uomini fondamentali come Ryan Anderson e Jrue Holiday che l’anno passato hanno giocato 56 partite in due (22 il primo e 34 il secondo).

    » LEGGI TUTTO



  • Il nuovo Re di Spagna…

    27/10/2014 | 2 commenti
     

    Per vincere in Europa occorre puntare su giocatori affermati e vincenti. Una sinfonia suonata e abusata in diversi parquet del vecchio continente, ma non a Barcellona, almeno da questa stagione. Mancata la conquista del titolo nella scorsa partecipazione alle Final Four di Milano, il team blaugrana ha avviato una ricostruzione, salutando molti artefici del trionfo di Parigi del 2010. Victor Sada, Erazem Lorbek hanno ricalcato le orme tracciate da Rubio, Mickeal, Lakovic gente che ha lasciato il Palau Saint Jordi per intraprendere altre avventure. Il team di Coach Pascual ha dirottato le proprie attenzioni su un pacchetto di giovani interessante e promettenti.

    » LEGGI TUTTO



  • Preview NBA: Southwest Division 2014/15

    26/10/2014 | 4 commenti
     

    previewnba

    WESTERN CONFERENCE EASTERN CONFERENCE
    Northwest Division Atlantic Division
    Pacific Division Central Division
    Southwest Division Southeast Division

     

    Difficile stilare un ranking della Southwest Division. Difficile perché ci troviamo di fronte alla miglior Division di tutta la NBA, e non sarebbe sorprendente trovare tutte e cinque le squadre che ne fanno parte nella griglia dei Playoff a metà aprile. Proviamo a stilare una classifica, ben consci della vicinanza che c’è tra le franchigie in questione. Il primo posto degli Spurs sembra tutto sommato la posizione più netta, in quanto i nero-argento sono dati praticamente all’unanimità come favoriti per il Titolo. Il roster è identico a quello che ha dominato la passata stagione eccezion fatta per l’aggiunta del rookie Kyle Anderson, e la banda di Pop, nonostante sia un anno più vecchia, è una macchina troppo rodata per non arrivare almeno alle Finali di Conference.

    » LEGGI TUTTO



  • Preview NBA: Northwest Division 2014/15

    25/10/2014 | 8 commenti
     

    previewnba

    WESTERN CONFERENCE EASTERN CONFERENCE
    Northwest Division Atlantic Division
    Pacific Division Central Division
    Southwest Division Southeast Division

     

    La Northwest Division riparte con un potenziale duello per il vertice e una terza incomoda desiderosa di rifarsi dopo una stagione di assoluto anonimato. Stiamo parlando di Oklahoma City, Portland e Denver nell’ordine. I Thunder sono sulla carta la squadra più forte del raggruppamento e una seria candidata alla finale della Western Conference ma il recente infortunio di Kevin Durant che priverà coach Brooks dell’Mvp della scorsa regular season per le prime 15-20 partite rischia di rimescolare le carte e permettere ai Trail Balzers di battagliare fino in fondo per il titolo di division. La franchigia dell’Oregon, basata sul super duo composto da Damian Lillard e LaMarcus Aldridge, riparte ancora più rodata e con la certezza che il proprietario Paul Allen vuole puntare su di loro per il presente e per il futuro.

    » LEGGI TUTTO