Notte NBA: George schianta i Clippers, Blazers e Heat corsari

42
5256

Curiosità

Gli Indiana Pacers superano i Los Angeles Clippers e infilano la 10a vittoria consecutiva in casa (21-1 in stagione) confermandosi la miglior squadra dell’intera Lega. Nelle ultime quattro gare i ragazzi di Vogel hanno vinto con uno scarto medio di 25.3 punti.
Paul George chiude con 36 punti con il 70% al tiro (12/17) e un’impressionante schiacciata 360° windmill. George è il primo Pacers da Reggie Miller nel 1996 a firmare una prova da più di 35 punti con 5 triple e il 70% dal campo.


I Miami Heat battono all’overtime gli Charlotte Bobcats e proseguono la loro striscia vincente contro la franchigia del North Carolina. Sono 14 vittorie in fila da quando James e Bosh sono arrivati a South Beach: è la seconda striscia della Lega dietro alle 15 degli Spurs sugli Wizards.


Con i 36 punti rifilati ai Milwaukee Bucks, Terrence Jones diventa il secondo Rockets più giovane di sempre a superare quota 30 dietro ad Hakeem Olajuwon.
Anthony Davis invece è il quinto nella storia di Hornets/Pelicans a firmare una prova da 31 punti e 17 rimbalzi (David West, Derrick Coleman, Alonzo Mourning, Armen Gilliam gli altri).


Nella sconfitta contro i Timberwolves, gli Utah Jazz hanno chiuso con 21 su 73 al tiro per il 28.8%: è la più bassa percentuale dal campo nella storia della franchigia.

 

Risultati della notte

Indiana Pacers (32-7) – Los Angeles Clippers (28-14) 106-92
(George 36; Crawford 22)


Washington Wizards (19-20) – Detroit Pistons (17-23) 98-104
(Wall 34; Smith 22)


Charlotte Bobcats (17-25) – Miami Heat (29-11) 96-104 OT
(Jefferson 22; James 34)


Chicago Bulls (19-20) – Philadelphia 76ers (13-27) 103-78
(Noah 21; Young 12)


Houston Rockets (27-15) – Milwaukee Bucks (7-32) 114-104
(Jones 36; Knight 26)


Minnesota Timberwolves (19-21) – Utah Jazz (14-28) 98-72
(Pekovic 27; Burks 18)


New Orleans Pelicans (15-24) – Golden State Warriors (26-16) 87-97
(Davis 31; Curry 28)


Dallas Mavericks (24-18) – Portland Trail Blazers (31-9) 111-127
(Nowitzki 18; Aldridge 30)

 

Highlights

42 Commenti

  1. dimenticavo
    nella notte trade tra nets – pelicans – bulls
    bulls danno via teague per shengalia ( o come si chiama lui )
    e i nets danno tylor a nola

  2. Io non posso dire che secondo me James non e’ quel fenomeno che vogliono che tutti gli sponsor degli Stati Uniti
    vogliono far credere così’ come non lo è’ Griffin che andrebbe bene solo per la gara delle schiacciate,su questo sito
    bisogna essere omologati se no si beccano degli ahaha risate di scherno oppure c’è’ qualcuno che se non la pensi
    come come lui si attacca alla scrittura mi dispiace per voi ma sarò’ sempre qui a commentare.

    • Ok allora James e’na pippa,Griffin sa solo schiacciare,Bosh e’una checca isterica,Paul e’un perdente (mai finali di conference) e Joe Johson sa solo tirare negli ultimi 20 secondi di una partita…

      • Io non dico questo io dico che James e’ un campione ma quando sento persone che lo paragonano a Jordan
        mi vengono i brividi secondo me per esempio George e’ molto superiore a Griffin ma non è’ tenuto in conto
        come lui.

    • Ho visto giocare James parecchie volte e poche volte Jordan, ma direi che sono due giocatori completamente diversi.Jordan era uno squalo e il giocatore più simile che c’è ora nell’nba è Bryant e credo che Jordan avesse gli stessi pregi e gli stessi difetti, ma con la differenza che Jordan era più forte, mentre James è un giocatore più totale, con tutta la buona volontà che vogliamo metterci, James è 7 centimetri più alto e pesa 15 kili in più e gioca in post basso con percentuali irreali anche per shaquille o’neal..cedo che negli anni che vanno dal 2006 al 2014 james sia il piu forte giocatore della lega come jordan lo è stato dal 1990 al 1998

      • A prescindere da altre differenze, Jordan non aveva il difetto che, probabilmente, ha impedito a Kobe di vincere il maggior numero di anelli di sempre nell’NBA (dato che ha avuto la fortuna di giocare e quindi di iniziare a vincere giovanissimo con il miglior Shaq): un’ego smisurato che, quasi un buco nero, fa fagocitare il gioco su di sé. Cmq nessuno è perfetto e 5 anelli possono bastare (soprattutto “one more Shaq”).

          • Ok, Willi, accetto la critica. Avrei dovuto scrivere meglio, ma, onestamente, non mi pare il caso di dare troppo peso all’italiano in questa sede. Nessuno mi pare immune da errori.

          • Jordan non aveva un ego smisurato? Sicuro?

            Tu come lo definiresti uno che, quando si scelgono i giocatori per il Dream Team, dice “o me o Isaiah Thomas”?

            Jordan e Kobe sono simili anche caratterialmente. Jordan era semplicemente più forte

          • Tutti i grandissimi giocatori hanno un grandissimo ego. Ma Kobe, secondo me, accentra troppo il gioco. Ha qualità eccelse e quando mi guardo i suoi video su “youtube” godo, ma non si è messo al servizio della squadra come avrebbe potuto. E’ Kobe che ha fatto andare via Shaq e Phil Jackson quando se ne è andato la prima volta, ha dichiarato che Kobe “non era allenabile” (o altra frase analoga). Secondo me Kobe qualche problema di carattere ce l’ha. Quanto ai rapporti Jordan-Thomas, vi era odio tra i due: http://www.indiscreto.info/2012/06/mj-e-il-ragazzo-cattivo.html

  3. Jordan é stato anche un gran difensore eh! Lebron é inumano, e l’essere fisicamente superiore lo facilita in tutto. Comunque direi che é il miglior giocatore da due anni a questa parte, da quando é diventato un campione nella testa. Prima di Lebron solo Jordan e Magic.
    Per Walton63, penso che in molti qui sostengano che george sia meglio di Griffin, anche se nn é che siano giocatori paragonabili. Le lodi a Griffin sono solo dimostrazione di onestá intellettuale, e riconoscimento anche da parte di chi lo sminuiva che sta migliorando molto quest’anno o almeno sta riuscendo a dimostrare tutte le sue capacitá.
    Mi sento di affermare che, nonostante ci siano dei tastardi, nessuno in questo blog ragiona per partito preso.

    • Tra l’altro non credo ci siano dei fan di Griffin… almeno io non ne conosco. L’abbiamo sempre schifato per il suo non essere concreto, ora dobbiamo riconoscerne i miglioramenti. Diamo a Cesare quel che è di Cesare…

      Concordo, su Jordan e Magic, ma credo sia d’obbligo metterci anche Wilt, anche se (per fortuna :)) non l’ho mai visto giocare.

    • Ragazzi io credo,al di là di ogni simpatia o antipatia,a me sta sulle palle ad esempio lbj ,che uno cn quel corpo abbinato a quella visione di gioco,atletismo e agilità sia una novità assoluta per l’uomo,nn per la nba..poi ora lebron ha quella consapevolezza e quel dominio mentale sulle partite che davvero lo fanno entrare in una dimensione “jordaniana”,ripeto dominio mentale,è chiaro che cn jordan costui chiaramente nn centra nulla,forse il primo anello che l ha reso così più forte di testa e lo sponsor in comune con mj…poi il gioco del confronto lo si può fare tra kobe e jordan,ma nn c ho mai creduto che questo fosse possibile proprio perchè ,nn so dire se in meglio o in peggio,ma difese regole e modo di giocare sn cambiati totalmente già in 10 anni quindi figurarsi andando più indietro…ho visto ora la partita pacers clippers,impressionato da indiana una volta di più…sarà bella dura per chiunque,coach vogel per me è davvero un grande allenatore e l idea granger da 4 ,se questo simette a giocare cn la giusta intensità,nn è davvero male…george per me è uno dei migliori big cm concentrazione e su tutti i possessi difensivi…gran bel giocatore e la schiacciata m ha lasciato a bocca aperta,davvero ora ha una fiducia incredibile…

  4. Per me Lebron e’da metà della serie con Indiana dello scorso anno il meglio della NBA.Negli anni prima assolutamente Kobe,specialmente quando i Lakers facevano schifo (2006,2007),poi direi sprazzi di Nash,Nowitzki e Duncan e solo ultimamente James.

    • Ma kobe dal 2005 fino al 2010 una spanna sopra a tutti. Diró un’eresia ma t-mac se la giocava. Mi sa come al solito si apre una discussione dalla quale nn è facile cavarne le gambe.

        • Non lo so,perché,pur riconoscendo la sua straordinaria forza,devo anche riconoscere che le serie con i Celtics del 2010 e con Dallas del 2012 le ha cannate completamente.Fino al 2010 niente da dire,giocatore dominante,però per me non aveva questa consapevolezza e questa forza mentale che aveva oggi e lo rende uno dei top 10 ogni epoca (con possibili attentati alla top 5)

      • Sempre detto che il Wade delle Finals 2006 ha giocato una delle migliori serie playoff di sempre , forse la migliore.Lo dicevo proprio venerdì a Pompeio

  5. Oh ma Portland ragazzi… iniziare il tour in Texas con 2W così… mi appecorono a cotanta forza! Lillard quest’anno è anche abbastanza maturo da capire quando non deve forzare, ma deve far giocare gli altri. Più forte di quanto pensassi.

    Stiamo assistendo a prestazioni del trio KD, Lebron, George che è na roba che penso non si vedeva da anni. Cifre irreali con % irreali. Fenomeni.

  6. A proposito di stelle nascenti, e questo Terrence Jones?
    Partita incredibile, è un giocatore che sta davvero sbocciando. Dominante dal punto di vista atletico, in crescita a livello tecnico.
    L’azione di stanotte in cui fa uno spin a metà campo e il terzo tempo con finta area è da guardia pura.
    Su Paul George ho finito non so più cosa dire, io credo che possa diventare uno dei più forti di sempre a questo punto, fa tutto così bene.. Quest’anno di sicuro tifo Indiana a playoff, visto il tracollo dei Suns.

    • Jones è in crescita ed è un bel giocatore,la giocata che hai citato è spettacolare ed è finita nella top ten,ma più che terzo tempo ha fatto un sesto tempo,cm si fa a nn chiamare passi???prende un vantaggio assurdo sul difensore se può farne 5 e mezzo..va bene lo show,ma quello è clamoroso…

      • Gli arbitri sono stati confusi dall’eleganza dei movimenti e pensando che fosse un passo di danza su 8 ottavi hanno contato fino ad 8.
        Passi assurdi.

        • Pure Harden fa passi un sacco di volte, ed è la miglior guardia NBA. Con questo non scuso ne lui ne Jones, ma ormai mi sono rassegnato a entrate con triplo passo stile pallamano.

    • George ha ancora molti limiti. Io delle sue letture sui raddoppi non sono per niente convinto e spesso lo vedo abusare delle sue qualità come attaccante.
      Molte volte con dei blitz difensivi lo riesci a contenere in modo relativamente facile.
      Detto ciò sicuramente sarà tra i protagonisti della lega nei prossimi anni

    • Se questa è per me mi ripeto (a quanto siamo… 3002? :)). Non ho detto che bisogna scegliere Wiggins per forza prima di Embiid. Ho detto di scegliere il più forte e quello con più potenziale fra i 2 a prescindere dal ruolo.

        • Embiid mi piace davvero tanto, ma non è pronto per l’NBA. Ho cercato di seguirlo il più possibile in questo periodo, e secondo me è ancora acerbo. Akeem (col quale viene confrontato e secondo me lo ricorda) si è fatto 3 anni di college, Pat Ewing 4). Temo che, se si dichiara eleggibile subito, corra il rischio di bruciarsi. Certo è difficile dire no ai soldi che sai di poter prendere subito.

          • Ma ovviamente, se si dichiara adesso, non ti puoi aspettare un 20+10 come hanno fatto tanti centri che si sono dichiarati finito il college (Hakeem, Duncan, Ewing) ma ti dovrai aspettare uno sviluppo lento come quello di Bynum, Howard o Hibbert ma rimane il fatto che (se non si rompe) tra 4 anni ti garantisce un 20+10 e 3 stoppate tutte le sere (forse anche di più).

  7. Ragazzi, io non credo proprio che la differenza fra Jordan e Kobe sia nel carattere (MJ era uno stronzo tanto quanto Kobe, e in campo parlava molto di più). Non credo nemmeno ci sia grande differenza nell’accentramento del gioco. Sì, MJ faceva qualche assist in più, ma la palla ce l’aveva sempre in mano. C’è sicuramente una netta superiorità di MJ nella metà difensiva, e qui non cominciamo “se Kobe c’ha voglia…” ecc ecc, perché è un difensore mediocre punto.
    Ma io penso che la più grande differenza fra i 2 è proprio in attacco! Cioè quell’aspetto che tutti tendono un po’ a dimenticare quando si parla di Kobe. Cioè…
    Jordan ha in carriera 30 punti col 50% (!!!) dal campo in RS e 33 col 49% (!!!!!) ai PO. IRREALE.
    Kobe ha in carriera 25.5 punti col 45% in RS e praticamente le stesse cifre ai PO.
    Notate una qualche differenza?

    • MJ è più forte di Kobe, credo che nessuno sostenga il contrario.
      Però a mio parere Kobe è un grande difensore (9 volte nel 1° team difensivo e 3 volte nel 2° team difensivo NBA), non è questo il suo punto debole. E non credo nemmeno che Kobe sia un tiratore più impreciso di MJ. La percentuale di Kobe dipende dalla sua ostinazione a voler tirare a tutti i costi anche in situazioni a dir poco discutibili. E’ questo che mi sconcerta e non finirà mai di lasciarmi perplesso, soprattutto se sei capace, quando vuoi, di far giocare la squadra. Il problema è proprio questo: “quando vuole”. E’ vero che in certi anni la squadra era mediocre, ma se sei così forte devi cercare di far crescere i tuoi compagni, dandogli fiducia e incoraggiandoli, non mortificarli. Ad esempio, quest’anno la squadra si è fatta un mazzo così per arrivare al 50% aspettando il suo ritorno per cercare di fare i PO, e lui cosa dichiara al rientro? La squadra gioca male! Mi chiedo: è un vero leader chi dichiara pubblicamente certe cose? Infatti il suo ritorno ha coinciso con un peggioramento di risultati e sopratutto con un’involuzione del gioco. Kendall Marshall mi sembra un bel prospetto (deve migliorare il tiro), uno su cui cercare di puntare per il futuro, ma, ora che ha preso in mano la squadra, devi lasciargliela, altrimenti come fa a crescere? Beh, tempo il rientro di Kobe (ma spero che Marshall abbia la personalità necessaria per imporsi).

      • Infatti non sostengo che sia un attaccante meno bravo, ma volevo evidenziare proprio quello che hai detto tu. Che è uno che forza, spesso troppo. Il resto del discorso lo condivido, tranne il fatto che sia un difensore.

DICCI LA TUA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.