Settimana NBA: le newyorkesi tornano in corsa, KLove in rotta con Minnesota?

5
1156

Best of the East

 

Best Team(s): New York Basketball

Chi si rivede. Nei top di quest’anno non c’era mai stato posto per la coppia di team di New York che, almeno fino ad inizio 2014, non aveva combinato nulla di buono. L’aria del nuovo anno sembra aver fatto davvero bene tanto ai Nets quanto ai Knicks. Brooklyn ha racimolato cinque vittorie, tra cui quelle contro Hawks, Warriors in serie positiva da dieci partite e Heat, con una sola sconfitta, la batosta presa dai Raptors nell’ultima uscita. New York ha invece regolato gli Spurs, perso contro i Rockets e vinto altre cinque partite di fila contro Mavericks, Pistons, Heat, Sixers e Suns, abbinando finalmente un buon gioco ai campioni che presenta a roster. I ragazzi del Madison Square Garden hanno già acchiappato l’ottavo posto utile per i playoff, seppur col record misero di 15-22, ma i cugini del Barclays Center sono appaiati col medesimo score. Attenzione a parlare già di rinascita, però. A New York, specialmente quest’anno, tutto cambia sempre in un batter d’occhio.

Best Player: Carmelo Anthony

La riscossa dei Knicks ha un nome ed è quello di Anthony. Pur tirando con percentuali non sempre grandiose, ma che si sono alzate nel quintetto di vittorie consecutive (43.5% di media), Melo ha segnato 25.8 punti raccogliendo 8.8 rimbalzi a partita e aggiungendo 4.6 assistenze, che non fanno mai male in una squadra dallo scarso playmaking come New York. Ottime le prestazioni in settimana contro i Pistons (34 punti con 6/7 da tre punti) e contro gli Heat (29 punti, 8 rimbalzi e 5 assist). Secondo miglior marcatore della Lega (26.2 punti di media), il suo contributo non si è finora tradotto in ottimi frutti per i Knicks, ma la colpa non è certamente da attribuire solo a lui. Come ha dimostrato nell’ultima gara contro Phoenix, è sempre pronto a decidere il match con le sue conclusioni e non trema con la palla in mano. La crescita dei Knicks passa per la crescita di Melo.

 

Best of the West

 

Best Team: Denver Nuggets

Quest’anno i tifosi dei Nuggets soffriranno il mal di mare a furia di scossoni. Un inizio pessimo, poi un periodo fantastico, seguito da un’altra striscia negativa ed ora, dal nulla, cinque importanti e splendide vittorie consecutive, salvo poi farsi superare dai Jazz. Dopo quella di misura sui Grizzlies ecco la netta, con annesso record stagionale di punti segnati (137), contro i Lakers seguita dal +31 sui Celtics, dall’ottimo successo sui Thunder e dalla netta affermazione sui Magic. Morale della favola sono 119.6 i punti di media segnati in questa striscia vincente con 100.6 subiti. Guidati dal sempre decisivo Ty Lawson (17.7 punti e 8.6 assist di media), i Nuggets hanno portato alla doppia cifra di media anche Wilson Chandler (12.8), J.J. Hickson (11.2), Kenneth Faried (10.5), Randy Foye (10.2) e Nate Robinson (10.1). Se, al suo rientro, Danilo Gallinari tornerà ad essere un fattore e, magari, anche la prima scelta offensiva, a Mile High City ci sarà di certo da divertirsi. Sempre che non incappi di continuo in sconfitte come quelle contro Utah.

Best Player: Blake Griffin

Per favore nessuno dica più che Blake Griffin sa solamente schiacciare. Vincere un derby contro i Lakers è sempre un’ottima soddisfazione, farlo senza il compagno di giochi preferito, quel Chris Paul che viene sempre definito come il vero All Star dei Clippers, significa che stai facendo del tuo meglio. Se a questo aggiungiamo il 12/15 al tiro per 33 punti, i 12 rimbalzi e il +45 di plus/minus allora l’impresa è di quelle da ricordare. I suoi 22.3 punti di media (tirando col 52.7% dal campo) sono il frutto di partite sempre in doppia cifra dall’inizio dell’anno, tre sole volte sotto i 15 segnati e ben tredici sopra i 25. I 10.4 rimbalzi sono invece il risultato di 26 doppie doppie già raccolte finora. Era fondamentale dimostrare di saper vincere e dominare anche da solo, senza Paul, in una partita tesa come il derby di LA. Si può dire tranquillamente che se i Clips sono quarti a Ovest con un ottimo 26-13 è anche e, forse, soprattutto merito di Blake Griffin.

 

Best of the Rest

 

SPURS ROLLING ENEMIES: San Antonio (30-8) è ancora e sempre padrona ad Ovest e in striscia positiva da cinque partite a seguito dei successi su Clippers, Grizzlies, Mavs, T-Wolves e Pelicans. Evergreen is the way. Gli Spurs sembrano davvero non essere mai finiti e non poter finire mai. Esprimono il miglior gioco di squadra della Lega e coach Pop sembra trasformare tutto ciò che tocca in ora. Anche un certo Marco Belinelli, uno delle nostre parti…

PACERS DEFENSE: defensive rating a quota 92.6, -8.9 rispetto a quello offensivo a quota 101.5, avversari lasciati al 40.9% al tiro e una difesa che, con Roy Hibbert in testa, è capace davvero di fermare chiunque. Chiedetelo ai Wizards, ridotti alla miseria di 66 punti segnati, minimo stagionale in NBA. Il record in casa è di 18-1, il meglio visto nella Lega dai magici Cavs di LeBron del 2008/2009. Non si costruisce per caso il miglior record ottenuto finora (29-7).

 


 

Worst of the East

 

Worst Team: Miami Heat

Sarebbero da considerare le striscie negative di Celtics (9 sconfitte di fila), Magic (8) e Bucks (6), ma trattandosi di team che non hanno nulla da chiedere alla stagione in corso, tanto vale trattare di chi punta al titolo. Le vittorie contro Raptors e Pelicans avevano aperto al meglio la settimana di Miami che però poi si è chiusa con due sconfitte inaspettate. La rivalsa di Knicks e Nets, a lungo esplicitata nei top settimanali, è passata per una vittoria a testa in casa contro Miami, per altro entrambe in doppia cifra di scarto. Non c’è da preoccuparsi, il 27-10 assicura ampiamente il secondo posto ad Est, a 2.5 gare dai Pacers in vetta. Il fattore campo è fondamentale se si vuole puntare all’anello e gli Heat ultimamente sembrano troppo altalenanti per poter puntare effettivamente al primato di Indiana.

Worst Player: Jeff Teague

Dopo che tutti hanno osannato la splendida prestazione contro i Cavs, il suo rendimento è calato notevolmente e, in questa settimana, ha raggiunto i minimi stagionali. Nelle ultime quattro partite sono arrivati 14.5 punti, trovati però con un tremendo 33.9% al tiro, con soli 5 assist smazzati a partita e ben 4 palle perse di media. Nonostante la sua pessima prestazione, unita a quella anche peggiore di Millsap, Atlanta ha incredibilmente battuto Indiana, ripetendosi poi anche contro Houston, salvo poi perdere contro Memphis, così come aveva fatto contro i Nets nella prima delle quattro partite in analisi. Il terzo/quarto posto sembra saldamente nelle mani degli Hawks, ma attenzione che Wizards, Bulls, Pistons e le due di New York sono lì a un soffio. È un attimo uscire dalla contesa per i playoff e sarebbe un peccato per un’ottima squadra come Atlanta.
 

Worst of the West

 

Worst Team: Phoenix Suns

Vale lo stesso discorso fatto ad Est per Lakers (4 sconfitte di fila) e Pelicans (6), ma i Suns sono direttamente invischiati nella lotta per l’ottavo posto e il 2014, finora, è stato davvero povero di soddisfazioni. Una vittoria netta sui Bucks e un’affermazione di misura sui T-Wolves non basta per chi punta ai playoff ad Ovest se nel frattempo si perde due volte coi Grizzlies e una con Piston, Bulls e Knicks. Phoenix sembra aver perso lo smalto nello stesso lasso di tempo in cui ha perso Eric Bledsoe per infortunio. Goran Dragic sta continuando a fare ottime cose, ma altrettanto non si può dire degli altri, specialmente i gemelli Morris, vera rivelazione di inizio anno. Ora Phoenix, a quota 21-16, è pericolosamente scivolata all’ultimo posto utile per la post-season e deve ringraziare il cielo che i Jazz hanno regolato incredibilmente i Nuggets, altrimenti Denver sarebbe a una sola gara di distacco.

Worst Player: Kevin Love

Quanto dalle prestazioni di Love dipendano strettamente quelle dei suoi T-Wolves è presto detto. Contro gli Spurs, 3/14 al tiro per 14 punti e 7 rimbalzi, risultato: sconfitta. Contro i Bobcats, 6/10 per 19 punti e 14 rimbalzi, risultato: vittoria. Contro i Suns, 4/20 al tiro per 15 punti, risultato: sconfitta. Contro i Sixers 7/12 al tiro e 26 punti, risultato: vittoria. Questo dimostra anche qualcosa in più: le squadre contro cui Love fa bene sono spesso dal record negativo, mentre contro le grandi di quest’anno spesso fatica. Come dimostrano anche i liberi sbagliati nel finale contro i Thunder, che potevano decidere l’overtime, parte delle innumerevoli partite perse per pochissimi punti dai T-Wolves quest’anno. L’ala di Minnesota deve imparare a fare molto meglio quando la palla scotta scacciando i malumori che lo vorrebbero lontano dai Timberwolves (in settimana anche la polemica per mezzo stampa con i compagni Barea e Cunningham). Altrimenti i playoff resteranno sempre un miraggio.

 

Worst of the Rest

 

LOSING STREAKS: non citabili direttamente sopra, trovano però posto qui. Boston (13-26) ha deciso di fare sul serio col tanking, Orlando (10-28) già era ben avviata e prosegue all’opera, Milwaukee (7-30) quest’anno proprio non riuscirebbe a vincere nemmeno se lo volesse. Il Draft estivo fa gola, ma a queste franchigie serve davvero qualcosa di speciale per tornare sui livelli degli anni passati.

LOSING STREAKS (PT.2): i Pelicans (15-22) sono indecisi sul loro futuro, ma si stanno lasciando andare vista la concorrenza ad Ovest che non permette ottime chance di post-season (e i gravi infortuni a Holiday e Anderson), ed i Lakers (14-23) vogliono una buona scelta al Draft e lo danno non poco a vedere, come tutte in questo pacchetto degli orrori. Magari la squadra di LA potrebbe giusto evitare di perdere il derby di 36 punti, massimo scarto di sempre.

5 Commenti

  1. Lawson non mi convince pienamente come prima o seconda opzione offensiva di una squadra.
    Griffin sembra aver fatto un salto di qualità rispetto agli altri anni, ma credo che i PO daranno la risposta sulla sua effettiva crescita.
    Spurs e pacers si rivelano due gran sistemi, ma al momento di rinnovare lance e george saranno dolori per i gialli; mentre gli spurs ancora non sembra si stiano impegnando seriamente e nonostante siano molto sciolti vincono ugualmente molto.
    miami secondo me arriverà prima 2.5 partite di differenza son poca cosa e lbj-wade-bosh e allen hanno l’esperienza che manca ai pacers per vincere le partite anche sotto pressione.
    i lakers non stan tankando, hanno una rosa pessima considerando i titolari odierni e gli infortuni.
    il tracollo di nola non era secondo me prevedibile e con il quintetto di partenza si pensava arrivassero più in alto.
    kevin love è pronto a lasciare minnie, ritorna a LA ?

    • George l’hanno già rinnovato. Il sacrificato, giustamente, è Stephenson. Lo ridico, per Indiana o oggi o mai più. L’anno prossimo saranno senza Lance ma comunque con 65M di pay roll.

      Love non so se già per la prossima stagione sarà dei Lakers. Scade nel 2016 e LA non ha davvero nessuno da scambiare con i T-Wolves in una trade. Lui di certo punta ad arrivare in giallo-viola e in qualche modo (ma non so dire quando) secondo me si farà. Spero che Boston si metta in mezzo, visto che in roster abbiamo più di qualche scambiabile che proprio schifo non fa.

      • si si so che l’hanno rinnovato già.intendevo dire che entra in vigore dall’anno prossimo il rinnovo… mi sono espresso male
        fossi in indiana inizierei a pensare ad una trade per west e/o per hill quest’estate… credo che l’asse sia george-hibbert quindi hill e west dovrebbero essere sacrificabili, se non il primo almeno il secondo

        • Sì Hibbert ormai te lo tieni. Cmq mi fa impazzire perché Hibbert sicuro impatta, soprattutto in difesa, ma va sotto praticamente contro ogni pari ruolo. Tipo guarda questa notte con Cousins… dire overplayed è un eufemismo! Se lo devono tenere solo per giocare con Miami 🙂

          Concordo sulle trade, e penso che ci proveranno. Hill la vedo difficile e scambiarli insieme è dura perché hanno contratti alti. West da solo qualcuno che se lo prende invece lo trovi.

  2. si infatti hibbert è lì unicamente per occupare l’area contro miami.
    cousins sta mettendo cifre esorbitanti questa stagione, peccato solo sia a sacramento e non sotto delle mani che possano plagiarlo a dovere.
    insieme è impossibile, ma separatamente secondo me è più facile e qualche fesso che li prende lo trovano… io proverei a ny dove sono alla costante ricerca di un play ( sembra guardino soltanto che il ruolo dichiarato sia PG ) e per west vedrei bene una squadra come i clippers ( amico di paul ) o comunque una contender che vuole aggiungere un lungo di esperienza… certo entrambi ne escono ridimensionati… dovrebbero fare quasi sicuramente scambi a perdere sotto il profilo giocatori ma se liberi un po’ di cap e poi risce a rifirmare lance è tanto di guadagnato

DICCI LA TUA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.