Il futuro di Jackson sarà ancora ai Thunder?

26
2640

Entro il 31 ottobre, notte di Halloween, gli Oklahoma City Thunder devono prendere una decisione sulla permanenza o meno di Reggie Jackson, il playmaker da Boston College, nato a Pordenone, che è in attesa di capire se il suo futuro sarà ancora al fianco di Kevin Durant e Russell Westbrook. Se per quella data non ci sarà la firma sull’estensione contrattuale, Jackson diventerà restricted free agent la prossima estate: il ragazzo, dopo l’ottima passata stagione, pretende minuti e soldi. Il gm Sam Presti lo accontenterà o assisteremo ad un nuovo addio come accaduto per il Barba James Harden?

In un’intervista con il quotidiano locale The Oklahoman, Reggie Jackson non si è sbilanciato sul suo futuro, ha detto di essere solo concentrato sul campo e sulla nuova stagione ma ha lasciato trasparire una sensazione non certo ottimista. Lui vorrebbe chiaramente restare ai Thunder ma evidentemente sa che la franchigia non può permettersi spese folli e non può garantirgli un certo status vista la presenza di tre top player come Kevin Durant, Russell Westbrook e Serge Ibaka. Il nativo di Pordenone ha detto:

Spero nel meglio ma devo aspettarmi anche il peggio.. I giovani giocatori vanno pagati, specialmente dopo Hayward e Parsons. Bisogna vedere cosa succede nella Lega, guardare cosa fanno gli altri per avere un barometro della situazione e agire di conseguenza. Durante questa estate ci sono state delle offerte innovative e dovrò tenerne conto quando toccherà a me negoziare il nuovo contratto“.

Jackson si riferisce ai contratti firmati da Gordon Hayward, un quadriennale da circa 63 milioni di dollari con gli Utah Jazz, e Chandler Parsons, triennale da oltre 46 milioni con i Dallas Mavericks. Normale che Jackson non si senta da meno, a maggior ragione dopo una stagione, la terza nella Lega, in cui ha viaggiato a 13 punti, 4 rimbalzi e 4 assist in 28 minuti di media (cifre triplicate rispetto all’anno prima, quando giocava la metà dei minuti). L’ex Boston College si è mostrato affidabile come attaccante e tiratore al fianco dei Big Three di OKC, sia con la second unit, sia quando è stato chiamato a rivestire i panni della guardia tiratrice in quintetto.

Per questo motivo Jackson spera che i Thunder vogliano investire su di lui dandogli spazio sul campo, magari un ruolo fisso in quintetto, e i soldi che si merita (circa 10-12 milioni a stagione per 4 anni), ma sa benissimo che potrebbero anche decidere di lasciarlo andare come fecero con James Harden. Poco prima del 31 ottobre 2012 infatti il Barba venne scambiato coi Rockets dopo che naufragarono le trattative per l’estensione contrattuale.

Jackson non sembra pronto a diventare il primo violino di una franchigia e non sembra avere il talento e le qualità di Harden, ma ci sono squadre come Los Angeles Lakers, New York Knicks, Dallas Mavericks e anche Miami Heat che la prossima estate potrebbero andare all’attacco del nativo di Pordenone e consegnargli le chiavi della regia, nel caso di LAL e NYK al fianco di Kobe e Melo. I Mavs libereranno spazio con le scadenze di Chandler e Wright, i Lakers saluteranno Steve Nash, Jeremy Lin e Carlos Boozer, i Knicks Stoudemire, Bargnani, Dalembert e Outlaw mentre gli Heat dovrebbero ricorrere ad un sign-and-trade.

Viceversa i Thunder dovranno decidere cosa fare del futuro dei vari Lamb, Adams, Roberson e Perry Jones e avranno i contratti di Perkins e Collison in scadenza: vedremo quanta voglia avrà il proprietario Bennett di svenarsi considerati gli impegni già presi con Durant, Ibaka e Westbrook (quasi 50 milioni nel solo 2015-16). Il gm Sam Presti potrebbe anche decidere di superare la boa del 31 ottobre e attendere la prossima estate: OKC infatti potrebbe in ogni caso trattenere Jackson pareggiando qualsiasi offerta visto lo status di restricted free agent.

26 Commenti

    • ufficiale?
      scelta interessante sopratutto per okc.. voi ve lo vedete brooks a schierare un quintetto senza perkins?e westbrook a lasciare la gestione della palla a rondo?

      • Ovvio che sia fantabasket. Però ci sono parecchi rumors che indicano OKC come destinazione principale di Rondo. Tempo di valutare l’impatto di Rondo post-infortunio nella lega e lascia il New England.
        Il grosso problema che di fatto impedisce la trade non è per quest’anno (si riesce facilmente a far stare OKC sotto la luxury) ma per il prossimo con il rinnovo di Rondo che lascerebbe pochissimo margine ai Thunder (storicamente Priesti preferisce avere 4-5 milioni dalla luxury per potersi muovere vicino alla trade-line).

        • Ma oltre all’aspetto economico ci sarebbe quello tecnico: Rondo e Westbrook assieme?? Dovresti convincere il secondo a giocare da guardia. Per me, teoricamente, potrebbe anche starci ma vai tu a diglielo a lui. E la difesa??? Mah!! Più che “rumors” mi sembrano “gossips”

          • Se OKC deve prendere Rondo credo che debba inserire nella trade Westbrook e tenersi la panchina lunga.
            Credo che Rondo e Westbrook dovrebbero stare nella stessa squadra solo se ci fosse scritto USA sul petto 🙂

          • Che poi io Westbrook lo terrei tutta la vita.Per me lui e KD sono il miglior duo della Lega a mani basse

          • Condivido entrambe le considerazioni e spero per OKC che quest’anno i “panchinari” vengano iper utilizzati in RS. A mio mododi vedere la panca di OKC non è male, ma devi fare qualcosa di più che far annusare solo il perquet a sti ragazzi. Però se fai giocare KD quasi 39 minuti (!!!), RW 31 (ma solo perchè si era rotto, altrimenti gli anni prima viaggiavamo sui 35) e Ibaka a 33, i minuti disponibili si riducono … oh, a San Antonio non uno dei big ha superato i 30 minuti e il Beli, appena arrivato, ne ha giocati 25. Dopo è anche logico che la fiducia ti aumenta: forse semplifico, ma insomma ..

          • Semplificherai anche ma hai ragione!
            E oltre alla fiducia mettici anche che Durant, Westbrook e Ibaka più freschi arrivano e più hai possibilità di andare fino in fondo…

      • 😀 All’inizio io pure m’ero già messo a sbavare. Poi ho letto trade machine e ho maledetto Emanuele. Ancora poi ho deciso di crederci lo stesso… 🙂

    • Rondo viene sottovalutato ampiamente…nei Play Offs ha disputato partite e Series da sogno con quasi una tripla doppia di media…se ha recuperato fisicamente è un mostro.
      E, poi, Boston ha completato la costruzione di una bella batteria di guardie con Smart, Bradley, Turner e Young, tutti giovani e di talento.
      Dovrebbe riprendersi Perkins…?! E perché mai?!
      Trade Machine interessante per analizzare i salari nello scambio.

  1. Aggiungo,che oltre a Reggie,ci sono sei casi “da seguire ” nella RFA di quest’anno:T.Thompson Markieff Morris,Jimmy Butler, Vucevic,Burks e Knight.

  2. OKC non ha datp quei soldi ad harden figurarsi a jackson che ha la meta del talento del barba… la svolta si avra quando Durant capira che li ha 0 possibilita di titolo perche la societa non investe e sara ceduto.

    • Troverà sicuramente qualcuno che gli darà quei soldi, o almeno gliene darà 10, e lascerà OKC.
      Il problema per KD é che sembra che il treno per i Thunder sia passato e per diversi motivi (troppi infortuni ad esempio) non l’hanno preso…

          • Avere tanti giocatori sotto i 26 anni ha anche un’altra faccia della medaglia: Jackson, Lamb, Adams, Jones andranno tutti in scadenza tra qualche anno e sarà difficile rinnovarli.
            Come rimedi? I Thunder non hanno scelte alte, quindi pescare giocatori di un certo livello é difficile.
            Dai free agent sei certamente molto appetibile ma avendo Durant, Westbrook e Ibaka che chiamano 38 milioni non hai tutto questo spazio di manovra e difficilmente puoi puntare a giocatori di primissima fascia.

            I Thunder sono nella brutta situazione che sono vicinissimi al titolo ma é difficile sistemare gli ultimi dettagli

          • Non è che Jackson, Lamb, Adams, Jones siano dei giocatori che spostano… Buoni, ovvio ed allungano la panca ma niente di non rimpiazzabile cercando sul mercato con oculatezza o scegliendo bene al draft (sono tutte scelte a fine primo giro).

            La cosa principale, e cioè il terzetto KD-Westbrook-Ibaka è quello che conta veramente.

          • Siamo d’accordo. Ma in 3 non si vince, vedasi gli Heat giusto per fare un esempio fresco, ed é importante avere contributi a volte anche sporadici, ma decisivi.
            Gli Heat senza Allen, Battier, Miller &co. non avrebbero vinto.

            Per amore della precisione: Lamb é una 12esima scelta.

            Comunque volevo dire che i Thunder sono ad un passo (da anni) dal titolo, ma devono stare attentissimi a non sbagliare perché rischiano di rompere il giocattolino

  3. Ragazzi ma che senso avrebbe prendere Rondo e mandare via Jackson? I 2 chiedono la stessa cifra sicuro, anzi forse Rondo chiede di più. Tra l’altro Jackson gli ha risolto qualche partita l’anno scorso. Sia RS che PO. Secondo me se Ibaka non fosse stato infortunato le prime 2 contro San Antonio adesso l’annello non l’avrebbero gli speroni. Pure Perkins è mancato tutti i PO. Secondo me, rimanendo cosi, i Thunder sono la squadra più seriamente candidata per il titolo. Salvo infortuni (da non dimenticare il ginocchio di Westbrook di 2 anni fa).

    • la differenza tra OKC e Spurs sta nel talento generale della second unit.. da una esce ginobili belinelli mills e diaw dall altra lamb perry jones e adams… gli spurs han vinto contro okc con un parker al 70%.. se e sano per me si va per il re-peat.
      Il problema di OKC è che cerca sul mercato giocatori che aveva gia…
      poi parlando seriamente chi mi sa spiegare come è possibile lasciar andar via Martin e poi l anno successivo dare 10 M a Jackson che oltre ad aver 1/4 del suo talento ha ancora tutto da dimostrare?

DICCI LA TUA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.