NBA – 10/04/2017: Westbrook disumano, suicidio Cavs, Nuggets fuori dai playoffs

3
44
Risultati NBA – © 2017 twitter.com/NBAItalia
Risultati NBA – © 2017 twitter.com/NBAItalia

Curiosità

Semplicemente Russell Westbrook! La stella degli Oklahoma City Thunder guida i suoi alla vittoria in casa dei Denver Nuggets con 50 punti, 16 rimbalzi e 10 assists per la 42esima tripla doppia stagionale, record assoluto NBA davanti alle 41 di Oscar Robertson nel 1961-62. Russ la impreziosisce col game winner da 10 metri sulla sirena e stampa la terza tripla doppia da 50 punti, altro primato visto che Harden, Chamberlain e Big O sono fermi a 2.

Westbrook, da solo, stende i Nuggets negli ultimi 2 minuti e mezzo con un parziale di 13-2, compresa la bomba sulla sirena. Denver, cui non bastano i 34 punti con 10 rimbalzi e 3 assists di un enorme Danilo Gallinari, sono matematicamente eliminati dalla corsa ai playoffs. Passano i Portland Trail Blazers che al primo turno se la vedranno con i Golden State Warriors.


Gara senza senso ad Atlanta dove i Cleveland Cavaliers perdono in overtime dopo aver sprecato un vantaggio di +26 all’inizio del quarto periodo, roba che non succedeva dal dicembre 2002 ai Mavericks contro i Lakers. Gli Hawks sono la terza squadra di sempre a compiere un ritorno simile: decisivo il buzzer beater di Millsap allo scadere dei regolamentari.

Inutile la grande prestazione di LeBron James, tripla doppia da 32 punti, 16 rimbalzi e 10 assists. Per LBJ è la 55esima tripla doppia in carriera, 4 in meno di Larry Bird, sesto All-Time, e la 13esima in stagione, un numero incredibile considerando che ne aveva totalizzate 14 nelle ultime 5 annate. Peccato che la serata sia stata macchiata dall’uscita per falli in overtime, la seconda volta in stagione e la sesta nell’intera carriera.


Il 9 aprile è un giorno incredilmente storico per l’NBA perchè, oltre alle triple doppie di Westbrook e James, c’è anche quella di James Harden. Per il Barba è la numero 21 in stagione con 35 punti, 10 rimbalzi e 14 assists nel successo dei suoi a Sacramento coi Kings.


Partita senza senso allo Staples Center dove i Los Angeles Lakers battono Minnesota con la tripla sulla sirena di D’Angelo Russell e inspiegabilmente buttano fiches per avere una scelta alta in Lotteria. Ai Timberwolves non basta la gara monstre di Andrew Wiggins, 41 punti, e di Karl-Anthnoy Towns, 40 con 21 rimbalzi: è la prima volta nella storia della franchigia con due giocatori da 40 punti (in NBA non accadeva dall’ottobre 2015, Durant e Westbrook coi Thunder) e con un giocatore da 40+20.

 

La Top Ten della notte

3 Commenti

  1. Suicidio Nuggets, le chance di PO erano esili (soprattutto dopo la sconfitta nello scontro diretto vs Portland) ma buttare via una W in questo modo…
    Vediamo adesso le prossime due partite cosa farà Denver ma, dal mio punto di vista, anche arrivare a 40 W sarebbe un buon biglietto da visita per le prossime stagioni, soprattutto dopo aver trovato in Jokic un asset fondamentale.

    • Diciamo che Denver l’ha un po’ buttata via visto il margine che aveva sui Blazers ad un certo punto della stagione, però è anche vero che Portland nell’ultimo mese ha accelerato notevolmente.
      Ho comunque dei dubbi sull’utilità di fare i playoff da ottava a Ovest. Il 4-0 contro i Warriors è dietro l’angolo 🙂

      Su Jokic concordo in pieno. Però deve cambiare totalmente atteggiamento in difesa dove è imbarazzante, e cercare di specchiarsi in attacco cercando sempre l’assist ad effetto. Il problema di Denver è cosa fare con gli altri… Gallinari, Mudiay, Chandler, Faried.

      • Denver non aveva poi un grosso margine, le partite di distanze erano dovute solo ad un calendario sballato (Portland aveva oltre il doppio delle partite rimaste da disputare in casa) ed i playoff sarebbero serviti immensamente ad una squadra come Denver, anche un 4-0 sarebbe stato utile ad una delle squadre più giovani della lega (Jokic, Harris, Murray, Mudiay, ecc..).
        Su Jokic poi non sono assolutamente d’accordo, in Colorado non devono commettere l’errore fatto dai Raptors con Bargnani, Jokic non è un centro che può difendere il ferro mentre in attacco gli devono lasciare il pitturato sgombro per far fruttare al massimo il suo high post. Secondo me devono accoppiarlo con un’ala grande capace di colmare le sue lacune difensive piuttosto che tentare (per me senza possibilità di successo visto che un 6.11) di trasformarlo in qualcosa che non è.

DICCI LA TUA

Please enter your comment!
Please enter your name here