NBA – 13/04/2017: chiusa la regular season, Pacers e Bulls ai playoff!

1
12

Curiosità

Risultati NBA – © 2017 sports.yahoo.com
Risultati NBA – © 2017 sports.yahoo.com
Solamente 3 le partite che avevano una vera valenza a livello di classifica nella notte e tutte riguardavano gli ultimi posti disponibili per i playoff nella Eastern Conference: gli Indiana Pacers non trovano resistenza da parte degli Hawks e ottengono così vittoria e settimo posto in classifica, che vale l’accoppiamento al primo turno contro i Cleveland Cavaliers (#2).
Vittoria semplicissima anche per i Chicago Bulls che asfaltano i Nets e riescono a prendere l’ultimo posto valido, l’ottavo, e l’accoppiamento contro i Boston Celtics, vincitori dell’Est per la prima volta dal 2007/08.

Non basta invece la vittoria per i Miami Heat contro Washington, finendo con lo stesso record dei Bulls (41-41) ma con il tie-breaker a sfavore e quindi primi esclusi dalla post-season. Da notare però la grande risalita in classifica dei ragazzi di coach Spoelstra, che il 13 gennaio avevano un record di 11-30, 19 partite sotto il 50% di record. Nessuna squadra nella storia NBA aveva mai chiuso con lo stesso numero di vittorie e sconfitte partendo da più di 12 partite sotto.


Niente riposo come le altre superstar per James Harden che nella vittoria dei Rockets contro i Timberwolves firma la sua 22esima tripla doppia stagionale, e per la seconda volta nelle ultime 3 stagioni la mette a referto nell’ultima partita di regular season. Il Barba raggiunge Tiny Archibald (1972/73) come unici giocatori a chiudere una stagione con almeno 2.000 punti e almeno 900 assist, ma non pareggia il suo record solamente per un punto per quanto riguarda il numero di punti segnati o generati dai suoi assist.


Brutto record per Minnesota ma grande stagione per Karl Anthony Towns che diventa il più giovane giocatore della storia NBA (21 anni) a chiudere una stagione con almeno 25 punti e almeno 10 rimbalzi di media. Inoltre è il primo giocatore della storia a finire con 2.000 punti, 1.000 rimbalzi e 100 tiri da tre segnati in una stagione.

Stagione un po’ migliore per la sua squadra visto l’approdo ai playoff dei Blazers, ma altrettanto positiva anche per Damian Lillard che entra ancora di più nei libri di storia della franchigia diventando il primo giocatore da Clyde Drexler (1988/89) a segnare più di 2.000 punti in una stagione.


Portland ha strappato il pass playoff ai Denver Nuggets che si possono consolare però con l’ennesima grande prestazione del loro gioiellino Nikola Jokić che diventa il primo giocatore da Shaquille O’Neal a firmare una partita da 29 punti, 16 rimbalzi, 8 assist e 5 stoppate!


Un altro po’ di storia NBA:
Giannis Antetokounmpo è il primo giocatore della NBA a chiudere una stagione nella top 20 totale delle prime 5 statistiche: punti, rimbalzi, assist, stoppate e recuperi.

Pau Gasol raggiunge Kareem Abdul-Jabbar, Kevin Garnett e Tim Duncan come unici giocatori con almeno 20.000 punti, 10.000 rimbalzi, 3.500 assist e 1.500 stoppate!

LeBron James chiude la sua 13esima stagione con una media punti realizzati di almeno 25. Unico giocatore della storia a quota 13.

 

L’incredibile prestazione di Jokić

1 commento

  1. Buona stagione per Denver 40-42 (ad inizio stagione avevo detto che avrebbe chiuso con un 38-44 e nono posto, quindi ci sono andato veramente vicino).
    Peccato per gli infortuni e la partenza ad handicap (per via dell’esperimento Jokic+Nurkic) che sono costati almeno 6-7 W. Adesso sta alla società lavorare bene in fase di mercato e draft per migliorare questa stagione (Otto Porter ed Ibaka sarebbero due aggiunte perfette).

DICCI LA TUA

Please enter your comment!
Please enter your name here