NBA Draft 2017: la notte delle scelte è LIVE su Basketcaffe

5
10

draft2017

Previsioni rispettate: Markelle Fultz, playmaker da Washington, è la prima scelta assoluta del Draft NBA 2017 per i Philadelphia 76ers. Alla 2 i Lakers chiamano, secondo pronostico, Lonzo Ball mentre alla 3 i Boston Celtics, preferiscono Jayson Tatum da Duke a Josh Jackson da Kansas, due ali; Jackson finisce alla 4 ai Suns, poi con la 5 i Sacramento Kings pescano il playmaker De’Aaron Fox. Spicca soprattutto la grande trade tra Chicago Bulls e Minnesota Timberwolves con Jimmy Butler che raggiunge coach Thibodeau (col pick 16) per Kris Dunn, Zach LaVine e il pick 7.

Il primo giro del Draft NBA 2017

1 – 76ers: Markelle Fultz
2 – Lakers: Lonzo Ball
3 – Celtics: Jayson Tatum
4 – Suns: Josh Jackson
5 – Kings: De’Aaron Fox
6 – Magic: Jonathan Isaac
7 – Bulls (via Twolves): Lauri Markkanen
8 – Knicks: Frank Ntilikina
9 – Mavericks: Dennis Smith Jr
10 – Blazers (via Kings): Zach Collins
11 – Hornets: Malik Monk
12 – Pistons: Luke Kennard
13 – Jazz (via Nuggets): Donovan Mitchell
14 – Heat: Bam Adebayo
15 – Kings (via Blazers): Justin Jackson
16 – Twolves (via Bulls): Justin Patton
17 – Bucks: DJ Wilson
18 – Pacers: TJ Leaf
19 – Hawks: John Collins
20 – Kings (via Blazers): Harry Giles
21 – Thunder: Terrance Ferguson
22 – Nets: Jarrett Allen
23 – Raptors: OG Anunoby
24 – Nuggets (via Jazz): Tyler Lydon
25 – 76ers (via Magic): Anzejs Pasecniks
26 – Blazers: Caleb Swanigan
27 – Lakers (via Nets): Kyle Kuzma
28 – Jazz (via Lakers): Tony Bradley
29 – Spurs: Derrick White
30 – Lakets (via Jazz): Josh Hart

Rivivi il LIVE del Draft NBA 2017

NBA Mock Draft 2017 – Top 30 Prospects by Basketcaffe.com

NBA DRAFT 2017: i 5 Top Playmakers
NBA DRAFT 2017: i 5 Top Shooting Guards
NBA DRAFT 2017: i 5 Top Small Forwards
NBA DRAFT 2017: i 5 Top Power Forwards
NBA DRAFT 2017: i 5 Top Big Men

5 Commenti

  1. Molto male Denver, Chicago, Boston e Indiana.
    Bene Sacramento (!) e Minnesota.

    Denver paga la scelta senza senso di scambiare Nurkic ed una scelta per Plumlee, Chicago scambia Butler per speranze in dei ruoli in cui hanno già dei veterani (pg e sg), Boston manca per l’ennesima volta l’affondo ad una star (potevano tranquillamente battere l’offerta di Minnesota), Indiana non riesce a scambiare George.
    Sacramento si becca una pg con atletismo da nba, e due scommesse ma abbastanza solide, Minnesota fa un colpaccio.

    • Tutti convinti che per i TWolves prendere Butler sia stata una grande mossa? Io per motivi tecnico-tattici-salariali avrei dei dubbi sinceramente.

      I Bulls hanno scelto di ricostruire. Quasi sicuramente Rondo verrà liberato così da dare la squadra in mano a Dunn, mentre Lavine potrà recuperare con calma dall’infortunio essendoci Wade, che comunque la prossima estate scadrà liberando tantissimo spazio salariale. Diciamo che Chicago poteva ottenere un po’ più di, magari non cedere anche la sua scelta, ma incamerare solo quella di Minnesota per averne due al primo giro.

      Boston in effetti non si è mossa. Ainge pare stia un po’ soffrendo di ansia da prestazione, nel senso che vorrebbe fare una mossa importante, ma ha paura di rompere qualche equilibrio. La scelta di non prendere Fultz comunque ha una sola spiegazione, ovvero che i Celtics vogliono rifirmare Thomas al massimo salariale (cosa su cui sinceramente avrei qualche dubbio).

      • Condivido. Per me buttler con wiggins fa un po’ scopa. Per quanto riguarda invece i Bulls stanno rifondando in pieno ma non credo che il pacchetto di Minnie fosse il migliore.
        Boston doveva e poteva portarsi a casa buttler per diventare una seria contender… invece aspetterà ancora il declino fisiologico di James.

        • penso che ne’ Butler ne’PG13 siano sufficienti ai celtics per battere nel brevissimo termine i cavs, figuriamoci Golden state.
          Il problema di Boston è che tra qualche anno ci saranno due core contemporaneamente a roster con quello attuale (crowder, bradley, olynik ecc) da rifirmare e quello più giovane (smart, brown, tatum ecc) non ancora pronto per sostenere una squadra da titolo.

      • E’ vero, Butler non è proprio perfetto per Minnesota ma il valore di una star nell’NBA moderna è altissimo e loro cedono veramente molto poco (Lavine).
        Inoltre Butler ha un contratto molto buono in relazione a quanto produce.

DICCI LA TUA

Please enter your comment!
Please enter your name here