NBA – 28/11/2017: i Pistons passano a Boston, Sacramento sorprende i Warriors, Cavs a 8 W di fila

0
586

Curiosità

Il big match della Eastern Conference va ai Detroit Pistons che vincono al Garden contro i Boston Celtics. Prova da dominatore di Andre Drummond con 26 punti, 22 rimbalzi, 6 assists e 4 recuperi: è il primo giocatore da Barkley nel 1990 con numeri del genere. E’ il primo Piston da Bob Lanier nel 1977 con almeno 25+20+5 e il primo avversario dei Celtics a Boston con 25+20+5 da Wilt Chamberlain nel 1967.


Altra prova monstre di James Harden che sfiora la tripla doppia – 37+10+8 – nel successo sui Nets in cui le due squadre, assieme, siglano il nuovo record per tiri da tre tentati, addirittura 89. Il Barba è il primo in questa stagione a superare quota 600 punti complessivi ed è il terzo negli ultimi 10 anni a segnare almeno 20 in ognuna delle prime 20 gare (Anthony nelle prime 20 2009-10, LeBron James nelle prime 33 2012-13).

Irreale il primo quarto di Harden, alla prima in carriera con 20+5 rimbalzi nei primi 12 minuti (20 punti, 7-7 FG, 5-5 3-pt FG, 5 Reb, 4 Ast).


Colpo a sorpresa sulla Baia dove i Golden State Warriors, senza Stephen Curry e Kevin Durant, perdono in volata contro i Sacramento Kings: decisivo il canestro di Bogdan Bogdanovic per la prima vittoria dei Kings a Oakland dal marzo 2013, quando il top scorer di Sacto fu Isaiah Thomas con 31.


Prosegue la corsa dei Cleveland Cavaliers che passano a Philadelphia contro i 76ers e centrano l’ottavo successo di fila. 9 punti con 3 triple per Kyle Korver che diventa il quinto nella storia NBA a raggiungere 2.100 bombe a bersaglio in carriera.


Il derby di LA va ai Clippers che superano i Lakers trascinati da un grande ex. Si tratta di Lou Williams che segna ben 42 punti, season high: Williams è il secondo giocatore nella storia con Jim McMillian a segnare un quarantello sia in maglia Clippers, sia in maglia Lakers.

 

Prova da dominatore di Andre Drummond

DICCI LA TUA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.