18ª-19ª giornata Eurolega: il Cska scappa, Milano con 2W in fila!

0
413

Il primo back to back del nuovo anno di Euroleague segna la prima vera fuga del Cska Mosca che mette due vittorie di distanza con le seconde della classe, Olympiacos e Fenerbahce. I moscoviti dopo lo scivolone di Barcellona sono ritornati il rullo compressore che piace a coach Itoudis candidandosi al primo posto per i playoff. Inciampa l’Olympiacos in Russia contro il Khimki mentre il Fenerbahce dimostra un’ottima condizione portando a 4 la striscia di vittorie consecutive. Il Real Madrid subisce una flessione, salvandosi in casa contro il Baskonia grazie a Fernandez ma cedendo di schianto contro Malaga nell’ennesimo derby spagnolo. In coda importanti le 2 vittorie di Milano ma attenzione perché l’ultimo vagone del treno per i playoff, il Maccabi, ora è più lontano per tutti.

Embed from Getty Images

MVP OF THE WEEK

Brad Wanamaker mette un’impronta decisiva nella vittoria contro l’Efes. La guardia americana chiude il derby del Bosforo con 18 punti e 8 rimbalzi, giocando una partita solida con poche sbavatura. Una prestazione maiuscola che assume ancora più importanza se paragonata all’orribile prestazione offerta contro il Panathinaikos due giorni prima terminata con soli 2 punti (anche se arrivati in un finale punto-a-punto). Quando un campione è capace di svoltare pagina.

TOP OF THE WEEK

Il Khimki Mosca firma due vittorie importanti che permettono di scavare un piccolo solco verso la zona playoff. La formazione russa supera Stella Rossa e Olympiacos, conquistando l’11esima vittoria stagionale. Sorprendente la vittoria contro i greci arrivata con un gap di 28 punti rifilati ai secondi della classe. Importante il contributo di Shved, star della squadra, ben supportato dai compagni Gill, Jenkins e Thomas. La strada è ancora lunga ma la formazione di coach Bartzokas comincia a spaventare molti.

FLOP OF THE WEEK

Lo stop contro il Khimki fa molto male all’Olympiacos. Non tanto per i due punti persi che nell’economia di una stagione così lunga sono relativi quanto per il passivo rimediato: 28 punti. L’Olympiakos ha disputato la partita più brutta della stagione (ma forse anche degli ultimi anni), chiudendo con soli 54 punti siglati. Percentuali orribili per i biancorossi del Pireo (35% da due e 27% da tre) e la sensazione che gli uomini chiave Papanikolaou, Spanoulis, Printezis abbiano accusato un giro a vuoto. A peggiorare le cose anche l’infortunio di Jamel Mclean.

MAN OF THE WEEK

Passano gli anni ma Rudy Fernandez dimostra sempre il suo talento e il suo carisma. Il numero cinque del Madrid, con la schiena a pezzi e il ginocchio sinistro senza più cartilagine, vince la partita contro il Baskonia con un buzzer beater dalla media che ci riporta ai tempi d’oro. Lo spagnolo può non piacere per il suo atteggiamento “antipatico” ma certamente resta uno dei grandissimi d’Europa.

SURPRISE OF THE WEEK

Le due vittorie consecutive dell’Olimpia Milano non sono frutto del caso, ma di una serie di miglioramenti che la formazione di Pianigiani ha attuato dopo le ultime debacle subite. Simbolo di questi progressi è l’ultimo arrivato nella famiglia delle scarpette rosse: Mindaugas Kuzminskas. Il lituano, ex Knicks, dopo un inizio in sordina si sta ritagliando un ruolo importante, chiudendo la vittoria di Malaga con 17 punti e la trasferta di Vitoria con 10.
Che possa essere lui il tassello che mancava a Milano per poter competere finalmente anche in Europa?

DICCI LA TUA

Please enter your comment!
Please enter your name here