NBA – 31/01/2018: Harden in tripla doppia da fantascienza, Drummond da All star

0
621
Risultati NBA – © 2018 twitter.com/NBAItalia

Curiosità

La palma di migliore della notte va senz’altro a James Harden, autore di una tripla-doppia mai vista nella storia (60 punti, 11 assist, 10 rimbalzi); il resto dei suoi compagni ne ha messi a referto 54, per la vittoria finale dei Rockets sui Magic. La stella di Houston supera il suo precedente record, fermo a 53 (Calvin Murphy nel 1978).
Si tratta inoltre del primo giocatore nella storia a chiudere una partita con 60+10 assist, battendo i record di Michael Jordan (23/12/1992) e Russell Westbrook (29/3/2017) a quota 57 punti.

Oltre ai 60 punti segnati, Harden ne ha fatti segnare 26 ai suoi compagni tramite i suoi assist, oltre ad altri 7 punti su tiri liberi nati sempre da suoi passaggi. Questo vuol dire 93 punti generati sui 114 totali dei Rockets, l’81.5% dei punti segnati dalla squadra.


Con l’infortunio occorso a John Wall, che sarà costretto a lasciare i campi da gioco per circa due mesi, il posto vacante all’All Star Game di Los Angeles è stato occupato da Andre Drummond, ansioso di aggregarsi al team di fuoriclasse e per questo fortemente critico nei confronti delle precedenti convocazioni. Il centro di Detroit, che attende la presenza di Blake Griffin per formare una nuova e rara coppia di Twin Towers nella NBA moderna, schiaffeggia i malcapitati Cleveland Cavaliers, con una prestazione da 21 punti, 22 rimbalzi e 7 assist.

Piove sul bagnato in casa Cavaliers, che oltre ad incassare la settima sconfitta nelle ultime 10, perde Kevin Love (frattura alla mano) per circa 6 settimane.
L’ala di Cleveland ha giocato solo 5 minuti nel 1° quarto e per la prima volta dal 14 febbraio 2011 (contro i Blazers) non ha preso neanche un tiro dal campo, interrompendo una striscia di 427 partite consecutive in cui ha preso un tiro nel 1° quarto quando ha giocato.


Fa notizia la sconfitta di Golden State, nella tana dei Mormoni: spenti Curry e Durant (9/26 al tiro in due), decisivi per Utah gli 80 punti combinati tra Mitchell, Rubio, Ingles e Favors. Fanno meno rumore gli insuccessi dei Pelicans e dei Clippers, pesantemente indeboliti dalle perdite rispettive di Demarcus Cousins e Blake Griffin. Buone notizie, però, a Los Angeles: dopo quasi due mesi dall’ultima apparizione, è tornato in campo Danilo Gallinari (15 punti finali).

 

James Harden nella storia

DICCI LA TUA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.