Meraviglioso Darussafaka, sua l’EuroCup! Capolavoro di Wilbekin e coach Blatt

0
429
Darussafaka vince l’EuroCup 2018 – © 2018 Eurocup

Il primo trofeo della stagione 2017-18 è assegnato: a vincerlo è il Darussafaka che fra le mura amiche della Volkswagen Arena di Istanbul conquista l’EuroCup! Il club turco supera 2-0 in finale i russi della Lokomotiv Kuban, presentatisi alla serie per il titolo imbattuti – 20 vittorie in altrettante partite -, mette in bacheca il primo storico sigillo continentale (il primo successo dal 1962) e strappa il pass per l’Eurolega 2018-19, dopo che l’anno passato erano arrivati fino ai playoff, battuti 3-1 dal Real Madrid.

Un vero e proprio capolavoro di una squadra forte, fortissima, costruita per vincere l’Eurocup e tornare in Eurolega: un successo griffato da David Blatt, il coach che ha resistito alle sirene di Maccabi Tel Aviv e Barcellona per restare sul Bosforo e regalare un trofeo a questo giovane e ambizioso club. E marchiato a fuoco da Scottie Wilbekin, MVP delle finali dopo il premio della regular season, che ai 52 punti totali ha aggiunto le bombe decisive in gara 1 e in gara 2.

Senza dimenticarsi il supporting cast, da JaJuan Johnson, lungo ex Cantù che è stato decisivo in gara 2 con 11 rimbalzi e 2 stoppate, a Will Cummings, MVP di gara 1 con le sue scorribande, passando per Howard Sant-Roos, il cubano cresciuto in Brianza, esploso al Nymburk e diventato determinante con Blatt. Lui l’eroe di gara 1 col canestro e la rubata che ha permesso a Wilbekin di infilare la bomba del pareggio e portare la partita all’overtime.

David Blatt, vincitore ovunque

C’è ancora tanta amarezza per la sconfitta nelle NBA Finals 2015 contro i Warriors e per come è stato esonerato dai Cleveland Cavaliers a inizio 2016, ma non c’è il minimo dubbio che David Blatt sia uno dei più grandi allenatori dell’ultimo ventennio. L’allenatore americano (ha studiato a Princeton e ha giocato per il leggendario Pete Carrill), ma naturalizzato israeliano, ha infatti vinto ovunque: l’EuroCup col Darussafaka è solo l’ultimo di una sfilza di trionfi che comprendono l’EuroLega del 2014 a Milano col Maccabi Tel Aviv e le medaglie da ct della Russia, il bronzo a Londra 2012, l’oro a EuroBasket 2007 e il bronzo a EuroBasket 2011. Senza dimenticare i 4 titoli in Israele e la Lega Adriatica 2012 col Maccabi, lo Scudetto 2006 e la Coppa Italia 2007 con la Benetton Treviso, e la FIBA EuroChallenge 2005 con la Dinamo San Pietroburgo. Un palmarès spettacoloso per il nativo di Boston, unico insieme al leggendario Dusan Ivkovic ad aver vinto in carriera EuroLega, EuroCup e oro a EuroBasket.

Scottie Wilbekin, MVP… anzi, Mr. Clutch

Quattro anni da leader a Florida, poi lo sbarco in Europa e la trasformazione in assoluta stella col Darussafaka di coach David Blatt. Questa EuroCup è marchiata a fuoco da Scottie Wilbekin, attaccante e tiratore 5 stelle lusso, un giocatore diventato immarcabile e devastante col salire del livello della competizione. I 41 punti con 10 triple a Monaco di Baviera in gara 2 delle semifinali sembravano il punto più alto e invece, col titolo di MVP stagionale in mano, ha alzato l’asticella in finale: 24 punti e la tripla per andare all’overtime in gara 1, 28 punti (19 nel primo tempo) e la pazzesca bomba per chiudere il discorso in gara 2, prestazioni che gli sono valse anche il premio di MVP delle finali, roba riuscita solo a Tyrese Rice col Khimki nel 2015. Da 19.7 punti di media in stagione a 26 nelle finali in cui ha anche infilato 10 triple, equamente divise tra gara 1 e gara 2: ad impressionare è stato però il controllo della situazione, il saper sempre fare la scelta giusta e non sbagliare mai i tiri decisivi. “Scottie è un prime-time player“, ha detto il compagno Michael Eric. Una definizione perfetta per un talento che l’anno prossimo, a meno di un salto in NBA, si misurerà coi migliori dell’EuroLega!

DICCI LA TUA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.