Durant, Giannis, Davis ma non solo: cosa resta dell’All Star Weekend 2019

0
449

Con l’All Star Game vinto da Team LeBron contro Team Giannis per 178-164 si è chiuso il 68esimo weekend delle stelle, quest’anno disputato allo Spectrum Center di Charlotte, North Carolina, casa degli Hornets e di Michael Jordan. Tre giorni intensi, piacevoli e spettacolari, con una crescita negli ascolti televisivi, con oltre 150.00 visitatori in città e con un giro d’affari superiore ai 100 milioni di dollari. Poi c’è quello che è successo in campo, o attorno al campo, e vale la pena riassumere cosa è andato e cosa no.

Durant MVP ora e fino ad estate inoltrata

Ha dormito per tre quarti o quasi, facendosi notare solo per delle scarpe rosa/fucsia, poi nell’ultimo periodo ha preso fuoco, ha guidato la rimonta da -20 di Team LeBron e ha chiuso con 31 punti (11 nel 4°) con 10 su 15 al tiro, 6 su 9 da tre. Questo è Kevin Durant, chirurgico, un killer, efficace e letale come un cobra, decisivo anche all’All Star Game come nelle ultime due Finals dove è stato MVP per i Warriors campioni NBA. Per KD il secondo premio di MVP all’All Star Game dopo quello del 2012 e la certezza di essere il secondo miglior giocatore del pianeta dopo LeBron James. La stessa certezza che sarà protagonista anche nel proseguo della stagione con Golden State e poi in estate, nella free agency: resterà sulla Baia? Si trasferirà a Los Angeles? O firmerà davvero per i New York Knicks?

Giannis può sedersi al tavolo con LeBron e gli altri

Ha ancora margini di crescita ma ora si può dire chiaramente che Giannis Antetokounmpo è una stella acclarata della NBA. Aldilà dei voti e del ruolo di capitano all’All Star Game, il greco alla sesta stagione tra i pro sta facendo un’annata da MVP e sta guidando i Milwaukee Bucks al miglior record della regular season (43-14 contro il 41-16 dei Warriors). Il suo Team si è piegato a Durant e soci ma è stato l’ultimo ad arrendersi, quello che ha giocato “per davvero” dall’inizio alla fine e ha chiuso con 38 punti, 11 rimbalzi e 5 assists, la performance numericamente migliore della storia! Soprattutto si è guadagnato ancora di più la stima degli avversari, in primis quella di Durant:

Il suo potenziale è pazzesco. È già nell’élite di questa lega per quello che produce in campo, ma fa ancora più paura pensare a dove potrà arrivare. Il suo gioco sta prendendo forma, sta continuando a migliorare, è giovanissimo ma è già tra i primi 5, forse 3 candidati MVP. È un’autentica gioia vedere il modo in cui sta progredendo“.

Il weekend anomalo di Anthony Davis

Anche Anthony Davis è stato tra i protagonisti di questo All Star Weekend ma, purtroppo per lui, non sul parquet. Per lui solo 5 minuti in campo e 5 punti, un’apparizione fugace e passata assolutamente sotto traccia. Totalmente diversa la situazione 24 ore prima, quando fu al centro dell’attenzione durante lo spazio dedicato alla stampa: tantissimi i giornalisti a fargli domande sul futuro e sulla volontà di lasciare i Pelicans. Bersagliato dai cronisti, Davis ha confermato l’esistenza della famosa lista che parlava di Lakers, Knicks, Bucks e Clippers come destinazioni preferite, ha aggiunto che in questo elenco ci sono assolutamente anche i Celtics (“mai detto il contrario…”), e poi, per non far torti a nessuno, ha corretto il tiro: “Tutte le altre 29 squadre sono nella mia lista. Voglio solo vincere“. Di sicuro non smetteremo di sentir parlare di Davis e del suo agente Rich Paul

Le leggende Wade e Nowitzki

Il commisioner Adam Silver non poteva fare scelta migliore che portare all’All Star Game Dwyane Wade e Dirk Nowitzki, un modo unico per salutare due autentiche leggende che a fine stagione si ritireranno. Due che hanno segnato nettamente gli anni 2000, che hanno lottato uno di fronte all’altro in due Finals, 2006 e 2011, e che hanno guadagnato il rispetto di compagni e avversari. Per Flash 10 minuti in campo con 7 punti e 4 assists, per Dirk appena 4 minuti con 3 triple nel primo tempo che hanno esaltato tutti! Ora però la speranza è che questa iniziativa venga ripetuta anche in futuro perchè i grandi del gioco meritano un’ultima volta il palcoscenico delle stelle.

La favola di Joe Harris, re delle triple

A Charlotte ci si aspettava la vittoria di un Curry, Steph più che Seth, nella gara del tiro da tre punti e invece alla fine sbuca Joe Harris! Non del tutto una sorpresa visto che la guardia dei Brooklyn Nets viaggia col 47% dall’arco su 5 tentativi di media (2° solo a Davis Bertans per percentuale), ma i suoi due turni sono stati clamorosi, con un’efficacia e una macchina esiziale: 25 punti al primo turno, dietro al 27 di Steph, e 26 con un filotto di 11 bersagli consecutivi in finale. Un successo che non ha scalfito l’apparente tranquillità di Harris, ragazzo dello stato di Washington e prodotto dell’università di Virginia, che è rinato ai Nets (dal 2016…) dopo una stagione e mezza coi Cleveland Cavs passata più in panchina e a far la spola coi Canton Charge della G-League. Tranquillità dicevamo: venerdì è sceso da un SUV tra la totale indifferenza e ha mangiato pollo in un ristorante del centro di Charlotte, senza che nessuno gli chiedesse un autografo. E la dedica per la vittoria? Per l’università di Charlotte che gli ha concesso una palestra dove allenarsi negli ultimi giorni.

Come rilanciare il Rising Stars Game?

Una nota negativa per chiudere: vero che l’All Star Game non si è acceso fino al quarto periodo, vero che il Dunk Contest non ha regalato particolari novità, la cosa certamente meno bella è stata il Rising Stars Game! La partita del venerdì era molto attesa perchè i nomi in campo erano di alto livello – Doncic, Simmons, Mitchell e Kuzma solo per citarne alcuni – e perchè la formula USA-Resto del Mondo sembrava azzeccata, e invece è stata una brutta esibizione, una serie infinita di schiacciate e tiri senza contatti e il minimo agonismo. Ha ancora senso proporla? Come si potrebbe rilanciarla? Forse sarebbe il caso di nominare due capitani e fare le squadre come per l’All Star Game? O magari coinvolgere i rookies e i sophomores della G-League? Sarebbe il caso che Adam Silver consideri qualche alternativa.

DICCI LA TUA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.