Virginia è campione NCAA! Moretti e Texas Tech ko a testa alta

0
2228

Si ferma proprio in finale la corsa di Texas Tech, battuta 85-77 in overtime da Virginia davanti agli oltre 70mila spettatori dello US Bank Stadium di Minneapolis! In un atto conclusivo inedito, i Cavaliers di Tony Bennett la spuntano e tagliano l’ultima retina, prendendosi una clamorosa rivincita dopo che un anno fa erano entrati nella storia dalla parte sbagliata perdendo al primo turno contro UMBC, ovvero la prima numero 1 sconfitta da una 16.

Delusione cocente per Davide Moretti, il sophomore dei Red Raiders autore comunque di una prestazione maiuscola, 15 punti, al culmine di un torneo NCAA e di una stagione estremamente positivi. A Minneapolis sventola in ogni caso la bandiera italiana e a tenere alto il tricolore è Francesco Badocchi, metà milanese e metà americano, cresciuto tra Olimpia Milano e Libertas Cernusco, che ha giocato un solo minuto nel torneo ma sarà di sicuro un protagonista delle stagioni future a Virginia!

La partita

La gara è contratta in avvio, Texas Tech segna appena 7 punti nei primi 10′ e si trova a -10: è Moretti a infilare il primo canestro dal campo, una tripla, poi arriva l’ottimo impatto di Francis e Edwards dalla panchina, e i Red Raiders chiudono il primo tempo a -3, 32-29 firmato dalla bomba a fil di sirena di Ty Jerome (28-0 in stagione e 61 successi di fila per i Cavaliers quando sono avanti all’intervallo, ndr). Nella ripresa Virginia prova nuovamente la fuga, Guy mette la tripla del +10 a 10′ dalla fine, ma Texas Tech non ci sta: Moretti segna due canestri per il -6, poi Mooney dall’arco e Odiase col 2+1 impattano sul 59-59.

Il finale è bollente, Moretti mette un’altra tripla per il -1, poi Culver si sveglia e firma il sorpasso, 66-65. A 12″ dalla fine Texas Tech è a +3, sceglie di non fare fallo e viene punita dalla bomba di Hunter dall’angolo. I Red Raiders hanno l’ultima chance ma Culver prima sbaglia da tre e poi viene stoppato, e così la sfida va all’overtime, per la prima volta dal 2008 (quella di Kansas su Memphis e del Mario’s Miracle di Chalmers, ndr). Nel supplementare parte meglio Texas Tech, +3 con 5 punti filati di Matt Mooney; Virginia però resta lì, Guy fa -1 con due liberi (fallo inesistente di Moretti, ma va beh…), Hunter sorpassa con l’ennesima bomba e poi i Cavaliers chiudono coi liberi di Jerome (quelli successivi ad una chiamata arbitrale controversa e rivista, con palla a Virginia dopo ultimo tocco di Moretti che però aveva subito un fallo…), Guy e Diakite.

Una sfida bella, intensa, tirata ed emozionante, nonostante ci fossero in campo due squadre che fanno della difesa e del ritmo controllato il loro credo.

Hunter decisivo, Guy è il migliore, Culver opaco

Il premio di Most Oustanding Player va a Kyle Guy, tiratore bianco e Mister Basketball dell’Indiana che è stato ancora una volta decisivo nelle pieghe della partita. Lui, l’eroe della semifinale contro Auburn con la tripla e i tre liberi a tempo scaduto che sono valsi l’accesso alla finale, chiude con 24 punti e 4 bombe, confermandosi glaciale e affidabile quando conta.

La differenza per Virginia la fa però De’Andre Hunter, lui che un anno fa non potè giocare quella famosa gara contro UMBC perchè infortunato. Il prospetto NBA è favoloso su due lati del campo, mette la museruola a Jarrett Culver e chiude con 27 punti, 22 dei quali dopo l’intervallo (inizia con 0 su 7 al tiro, ndr), e 9 rimbalzi: mette la bomba del pareggio per il supplementare e poi quella del 75-73 nell’overtime che di fatto spezza le gambe ai Red Raiders. Un giocatore completo, un po’ Kawhi Leonard e un po’ Jimmy Butler, destinato ad arrivare in Top 5 o oltre al Draft NBA.

Solo qualche lampo per l’altro prospetto NBA atteso, ovvero Jarrett Culver. L’esterno sophomore di Texas Tech chiude con 15 punti, 9 rimbalzi e 6 assists ma tira 5 su 22 dal campo e 0 su 6 da tre: l’apice è il canestro del 66-65 per il vantaggio Red Raiders, poi però sbaglia la tripla della possibile vittoria nei regolamentari. Il talento è lì da vedere, non uscirà dalla Top 5 del Draft, però le ultime tre gare del suo Torneo sono state davvero complicate (12 su 53 al tiro, 3 su 17 da tre).

Delusione Moretti, gioia Badocchi

Un vero peccato per Davide Moretti dopo una finale e una stagione eccellenti: contro Virginia mette 15 punti infilando canestri pesanti e mostrando grande difesa, da vero soldato per coach Chris Beard. Non è bastato per vincere e nel post partita parla così:

Potevo fare molto meglio, almeno sotto alcuni punti di vista. Speravo potesse finire in un altro modo per dedicare il successo a mio padre (Paolo, ora coach a Pistoia, ndr). Ci proverò il prossimo anno“.

Si gode il successo invece Francesco Badocchi, lui che ha giocato un solo minuto nel torneo ma che è comunque campione NCAA, il primo italiano a riuscirci:

È un paradiso adesso, continuo a non crederci. Tutto quello che abbiamo fatto, aver raggiunto l’overtime e poi il successo in quel modo: un’esperienza surreale. Anche se non sono riuscito a scendere in campo in queste Final Four, sono veramente tra le nuvole. Un’emozione incredibile“.

Francesco Badocchi – Stopframe Sky Sport

Interviste dell’inviato di Sky Sport Christian Giordano.

DICCI LA TUA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.