BasketCaffe.com

Roster EuroBasket 2013

Per conoscere tutti i roster e i giocatori delle 24 nazionali impegnate negli Europei di Slovenia, oltre alla “stella” della formazione.

GRUPPO A

BELGIO

Yannick Driesen – C – 2.16 – 02.11.1988
Christophe Beghin – F – 2.06 – 02.01.1980
Maxime De Zeeuw – F – 2.05 – 26.04.1987
Sacha Massot – F – 2.08 – 24.10.1983
Wen Mukubu – F – 1.98 – 02.08.1983
Jean-Marc Mwema – F – 1.95 – 05.12.1989
Axel Hervelle – F – 2.04 – 12.05.1983
Quentin Serron – G – 1.90 – 25.02.1990
Guy Muya – G 1.90 – 23.05.1983
Roel Moors – G – 1.86 – 16.12.1978
Jonathan Tabu – G – 1.84 – 07.10.1985
Sam Van Rossom – G – 1.88 – 03.06.1986
Coach: Eddy Casteels

LA STELLA – Jonathan Tabu: l’ex Cantù, ora al CAI Saragozza, è uno dei giocatori con maggior talento della nazionale belga che può contare anche su Sam Van Rossom e sull’esperto Hervelle; Tabu è chiamato a prendere in mano la squadra e cercare di portarla al secondo turno, in un girone, l’A, non impossibile con molte squadre allo stesso livello.

FRANCIA

Alexis Ajinca – C – 2.15 – 06.05.1988
Johan Petro – C – 2.14 – 27.01.1986
Joffrey Lauvergne – F – 2.03 – 30.09.1991
Nicolas Batum – F – 2.03 – 14.12.1988
Boris Diaw – F – 2.05 – 16.04.1982
Florent Pietrus – F – 2.01 – 19.01.1981
Mickael Gelabale – F – 2.00 – 22.05.1983
Thomas Heurtel – G – 1.87 – 10.04.1989
Charles Kahudi – G – 1.99 – 19.07.1986
Antoine Diot – G – 1.90 – 17.01.1989
Tony Parker – G – 1.88 – 17.05.1982
Nando De Colo – G – 1.95 – 23.06.1987
Coach: Vincent Collet

LA STELLA – Tony Parker: non può che essere ancora una volta il leader degli Spurs il giocatore su cui si basa tutto il gioco dei transalpini; un po’ perchè la palla ce l’ha in mano sempre lui, un po’ perchè la sua leadership, anche vocale oltre che tecnica, è superiore a quella di tutti gli altri. La Francia è chiamata a fare un risultato importante anche se le tante assenze pesano.

GERMANIA

Tibor Pleiß – C – 2.18 – 02.11.1989
Maik Zirbes – C – 2.07 – 29.01.1990
Andreas Seiferth – C – 2.09 – 23.06.1989
Philip Zwiener – F – 2.01 – 23.07.1985
Robin Benzing – F – 2.08 – 25.01.1989
Niels Giffey – F – 2.00 – 08.06.1991
Alex King – F – 2.01 – 20.02.1985
Per Günther – G – 1.84 – 05.02.1988
Heiko Schaffartzik – G – 1.83 – 03.01.1984
Lucca Staiger – G – 1.95 – 14.06.1988
Karsten Tadda – G – 1.90 – 02.11.1988
Bastian Doreth – G – 1.82 – 08.06.1989
Coach: Frank Menz

LA STELLA – Heiko Schaffartzik: il nuovo acquisto del Bayern Monaco è il giocatore più interessante di una nazionale che ha perso tutti i suoi vecchi leader ed è in attesa dell’ascesa dei vari Harris e Schroeder; nonostante sia un classe ’84 il playmaker è il giocatore più “vecchio” ed esperto della nazionale e vanta già le presenze agli Europei 2009 e ai Mondiali 2010.

GRAN BRETAGNA

Alasdair Fraser – C – 2.01 – 13.08.1992
Eric Boateng – C – 2.08 – 20.11.1985
Kieron Achara – F – 1.80 – 03.07.1983
Daniel Clark – F – 2.08 – 16.09.1988
Myles Hesson – F – 1.95 – 05.06.1990
Andrew Sullivan – F – 2.03 – 12.02.1980
Gareth Murray – F – 2.01 – 23.09.1984
Kyle Johnson – G – 1.95 – 31.12.1988
Andrew Lawrence – G – 1.88 – 04.06.1990
Ogooluwa Adegboye – G – 1.82 – 23.09.1987
Justin Robinsonv – G – 1.88 – 17.10.1987
Devon Van Oostrum – G – 2.00 – 24.01.1993
Coach: Joe Prunty

LA STELLA – Andrew Sullivan: senza Deng, Freeland e Mensah Bonsu, che avrebbero dato alla Gran Bretagna i panni di possibili outsider, il giocatore di riferimento e capitano è la 33enne ala dei Leicester Riders. Sullivan, alto 196 centimetri, ha fatto l’high school nel New Jersey e poi il college a Villanova, ma la sua carriera da pro non è mai decollata. Coach Prunty si affida alla sua esperienza, soprattutto dopo i Giochi di Londra 2012.

ISRAELE

Yaniv Green – C – 2.04 – 16.05.1980
Alexander Tyus – C – 2.05 – 08.01.1988
Ido Kozikaro – C – 2.02 – 08.01.1978
Lior Eliyahu – F – 2.03 – 09.09.1985
Omri Casspi – F – 2.04 – 22.06.1988
Elishay Kadir – F – 2.02 – 04.11.1987
Guy Pnini – F – 2.00 – 04.09.1983
Yotam Halperin – G – 1.93 – 24.01.1984
Nitzan Hanochi – G – 1.90 – 10.06.1986
Raviv Limonad – G – 1.91 – 26.08.1984
Afik Nissim – G – 1.86 – 31.01.1981
Yogev Ohayon – G – 1.91 – 24.04.1987
Coach: Arie Shivek

LA STELLA – Omri Casspi: l’ala fresca di contratto con gli Houston Rockets è il talento più puro cui si affida la nazionale israeliana. Casspi, reduce da un’annata senza spazio a Cleveland, ha grande voglia di far bene e la vetrina degli Europei può essere quella giusta per scacciare gli ultimi fantasmi e presentarsi al meglio per l’avventura in Texas. Ha viaggiato a quasi 20 punti di media nelle qualificazioni.

UCRAINA

Viacheslav Kravtsov – C – 2.12 – 25.08.1987
Ihor Zaytsev – C – 2.10 – 11.05.1989
Kyryl Natyazhko – C – 2.07 – 30.11.1990
Artem Pustovyi – C – 2.18 – 25.06.1992
Maksym Pustozvonov – F – 2.00 – 16.04.1987
Maxym Korniyenko – F – 2.05 – 26.06.1987
Sergii Gladyr – G – 1.99 – 17.10.1988
Dmytro Gliebov – G – 1.95 – 20.07.1988
Eugene Jeter – G – 1.80 – 02.12.1983
Oleksandr Lypovyy – G – 2.01 – 09.10.1991
Olexandr Mishula – G – 1.91 – 18.04.1992
Dmytro Zabirchenko – G – 1.89 – 15.06.1984
Coach: Mike Fratello

LA STELLA – Eugene Pooh Jeter: il playmaker 30enne di Los Angeles, fratello della sprinter Carmelita Jeter, è con Artur Drozdov il faro di una nazionale molto giovane che punterà a mettere i bastoni tra le ruote di qualche big. Reduce da una stagione in Cina, l’ex giocatore dei Sacramento Kings si è fatto notare nelle amichevoli per il buzzer beater con cui l’Ucraina ha steso la Polonia in un rocambolesco finale.

GRUPPO B

BOSNIA ERZEGOVINA

Elmedin Kikanovic – C – 2.10 – 02.09.1988
Nedzad Sinanovic – C – 2.20 – 29.01.1983
Andrija Stipanovic – C – 2.08 – 18.12.1986
Mirza Teletovic – F – 2.06 – 17.09.1985
Dalibor Persic – F – 1.95 – 28.08.1985
Edin Bavcic – F – 2.05 – 06.05.1984
Nihad Djedovic – F – 1.95 – 12.01.1990
Nemanja Gordic – G – 1.85 – 25.09.1988
Ante Masic – G – 1.95 – 28.10.1985
Muhamed Pasalic – G – 1.85 – 27.08.1987
Marko Sutalo – G – 1.95 – 13.04.1983
Zackary Wright – G – 1.85 – 05.02.1985
Coach: Aco Petrovic

LA STELLA – Mirza Teletovic: reduce da una stagione con poco spazio ai Brooklyn Nets, l’ex stella dell’allora Caja Laboral è il faro della formazione di Petrovic. Tiratore sublime per la stazza, attaccante terrificante, nelle amichevoli è sempre stato oltre 20 punti a sera, con 27 e 11 rimbalzi, con 7 su 10 dall’arco, contro la Grecia di Trinchieri in Germania. Occhio anche all’ex romano Djedovic.

LETTONIA

Andrejs Selakovs – C – 2.07 – 08.11.1988
Martins Meiers – C – 2.08 – 30.03.1991
Kaspars Berzins – F – 2.11 – 25.08.1985
Janis Berzins – F – 2.01 – 04.05.1993
Rihards Kuksiks – F – 1.97 – 17.07.1988
Mareks Mejeris – F – 2.07 – 02.09.1991
Rolands Freimanis – F – 2.10 – 21.01.1988
Kristaps Janicenoks – G – 1.95 – 14.03.1983
Armands Skele – G – 1.92 – 04.09.1983
Janis Strelnieks – G – 1.91 – 01.09.1989
Dairis Bertans – G – 1.92 – 09.09.1989
Janis Blums – G – 1.91 – 20.04.1982
Coach: Ainars Bagatskis

LA STELLA – Dairis Bertans: senza il fratellino Davis e in attesa che esploda Janis Berzins, vice campione d’Europa Under 20, è l’esplosiva guardia 23enne il fare dei lettoni. Fresco di firma su un triennale con Bilbao dopo tre stagioni al VEF Riga, Dairis Bertans punta a far fare la miglior figura possibile ai suoi in un girone da incubo. L’anno scorso il top scorer nelle qualificazioni a 14 punti a sera.

LITUANIA

Jonas Valanciunas – C – 2.10 – 06.05.1992
Robertas Javtokas – C – 2.11 – 20.03.1980
Donatas Motiejunas – F – 2.13 – 20.09.1990
Linas Kleiza – F – 2.03 – 03.01.1985
Mindaugas Kuzminskas – F – 2.05 – 19.10.1989
Darjus Lavrinovic – F – 2.12 – 01.11.1979
Ksistof Lavrinovic – F – 2.10 – 01.11.1979
Jonas Maciulis – F – 1.98 – 10.02.1985
Martynas Pocius – F – 1.96 – 28.04.1986
Renaldas Seibutis – F – 1.96 – 23.07.1985
Tomas Delininkaitis – G – 1.91 – 11.06.1982
Mantas Kalnietis – G – 1.95 – 06.09.1986
Coach: Jonas Kazlauskas

LA STELLA – Jonas Valanciunas: dopo la stagione di debutto in NBA ai Raptors, il big man ex Lietuvos Rytas è chiamato ad essere il go-to-guy della sua nazionale in Slovenia. La squadra mischia talento giovane e vecchi volponi come Javtokas e i Lavrinovic, ma è inevitabile che Valanciunas sia quello chiamato a fare la differenza, vista l’assenza di molti lunghi di spessore come Pau Gasol, Pekovic, Bargnani e Noah. Doppia doppia di media? Perchè no.

MACEDONIA

Predrag Samardziski – C – 2.15 – 11.04.1986
Pero Antic – F – 2.10 – 29.07.1982
Vladimir Brckov – F – 1.97 – 29.12.1989
Gjorgji Chekovski – F – 2.02 – 11.12.1979
Todor Gechevski – F – 2.08 – 28.08.1977
Stojan Gjuroski – F – 2.02 – 06.11.1991
Bo McCalebb – G – 1.78 – 04.05.1985
Vlado Ilievski – G – 1.87 – 19.01.1980
Aleksandar Kostoski – G – 1.88 – 05.03.1988
Darko Sokolov – G – 1.90 – 08.05.1986
Damjan Stojanovski – G – 1.93 – 09.12.1987
Vojdan Stojanovski – G – 1.94 – 09.12.1987
Coach: Ales Pipan

LA STELLA – Bo McCalebb: ha fatto diventare la Macedonia una contender a livello continentale, portandola fino al quarto posto due anni fa (sconfitta nella finalina con la Russia dopo aver spaventato la Spagna in semifinale). L’ex playmaker di Siena è leader e trascinatore dei giallorossi, un giocatore immarcabile capace di viaggiare ad oltre 21 punti di media nel 2011 e addirittura a 26 e 6 assist alle Olimpiadi.

MONTENEGRO

Blagota Sekulic – C – 2.08 – 14.03.1982
Nikola Vucevic – C – 2.10 – 24.10.1990
Bojan Dubljevic – C – 2.05 – 24.10.1991
Milko Bjelica – F – 2.05 – 04.06.1984
Vladimir Dasic – F – 2.08 – 13.05.1988
Aleksa Popovic – F – 2.00 – 31.07.1987
Marko Popovic – F – 1.99 – 10.10.1985
Sead Sehovic – F – 1.96 – 22.08.1989
Tyrese Rice – G – 1.85 – 15.05.1987
Suad Sehovic – G – 1.96 – 19.02.1987
Nikola Ivanovic – G – 1.90 – 19.02.1994
Bojan Bakic – G – 1.95 – 08.01.1983
Coach: Luka Pavicevic

LA STELLA – Nikola Vucevic: senza Nikola Pekovic, è il giovane big man degli Orlando Magic l’uomo chiamato a dominare in vernice per il gruppo di Pavicevic. Reduce da una clamorosa annata in doppia doppia di media, 13 e 11 rimbalzi, il ragazzo nativo di Morges, in Svizzera, e uscito da USC (come Daniel Hackett) dovrà dare sostanza a centro area e un riferimento per i tanti esterni come Rice, l’ex romano Dasic e Popovic.

SERBIA

Vladimir Stimac – C – 2.11 – 25.08.1987
Djordje Gagic – C – 2.10 – 28.12.1990
Rasko Katic – C – 2.08 – 08.12.1980
Nenad Krstic – C – 2.13 – 25.07.1983
Nemanja Bjelica – F – 2.09 – 09.05.1988
Nikola Kalinic – F – 2.02 – 08.11.1991
Stefan Markovic – G – 1.95 – 25.04.1988
Vasilje Micic – G – 1.96 – 13.01.1994
Nemanja Nedovic – G – 1.92 – 16.06.1991
Danilo Andjusic – G – 1.95 – 22.04.1991
Bogdan Bogdanovic – G – 1.98 – 18.08.1992
Nemanja Krstic – G – 2.02 – 02.03.1993
Coach: Dusan Ivkovic

LA STELLA – Nenad Krstic: il capitano, centro 30enne del Cska Mosca di Ettore Messina, sarà il riferimento della giovane ed enigmatica Serbia di Ivkovic, reduce dall’ottavo posto di due anni fa. In un Europeo che si presenta senza alcuni big nel ruolo, Krstic resta un giocatore di prima fascia, capace di abbinare stazza ad ottima tecnica, compreso il tiro da fuori. E da sicura doppia cifra di media.

GRUPPO C

CROAZIA

Mario Delas – C – 2.07 – 16.01.1990
Luksa Andric – C – 2.10 – 29.01.1985
Ante Tomic – C – 2.17 – 17.02.1987
Luka Zoric – C – 2.11 – 05.11.1984
Damir Markota – C – 2.09 – 26.12.1985
Damjan Rudez – F – 2.08 – 17.06.1986
Dario Saric – F – 2.08 – 08.04.1994
Ante Delas – F – 2.00 – 11.03.1988
Dontaye Draper – G – 1.80 – 10.08.1984
Krunoslav Simon – G – 1.97 – 24.06.1985
Bojan Bogdanovic – G – 2.00 – 18.04.1989
Roko Leni Ukic – G – 1.96 – 05.12.1984
Coach: Jasmin Repesa

LA STELLA – Ante Tomic: il pivot del Barcellona è chiamato al definitivo salto di qualità, a dimostrare di essere un giocatore di élite nel ruolo a livello continentale. Alto (2.17), mobile e molto tecnico, avrà soprattutto il compito di dare una dimensione interna ad una squadra che punta molto sui tiratori esterni, Bogadonovic e Tomas su tutti. Due anni fa chiuse a ad oltre 16 punti e 6 rimbalzi di media.

GEORGIA

Lucas Zeller – C – 2.11 – 07.04.1987
Richard Matiashvili – C – 2.07 – 01.01.1989
Giorgi Sharabidze – C – 2.10 – 27.04.1990
Giorgi Shermadini – C – 2.16 – 02.04.1989
Anatoli Boisa – F – 1.94 – 09.09.1983
Nikoloz Tskitishvili – F – 2.12 – 14.04.1983
Manuchar Markoishvili – F – 1.96 – 17.11.1986
Beka Burjanadze – F – 2.03 – 03.01.1994
Nika Metreveli – F – 2.11 – 14.01.1991
Duda Sanadze – F – 1.96 – 25.07.1992
Viktor Sanikidze – F – 2.03 – 01.04.1986
Levan Patsatsia – F – 1.98 – 24.09.1988
Beqa Chikviladze – G – 1.95 – 12.02.1991
Ricky Hickman – G – 1.89 – 01.09.1985
Besik Lezhava – G – 1.92 – 21.02.1986
Otar Pkhakadze – G – 1.90 – 28.02.1993
Revaz Rogava – G – 1.91 – 01.02.1993
George Tsintsadze – G – 1.92 – 07.02.1986
Merab Bokolishvili – G – 1.98 – 27.02.1992
Coach: Igor Kokoskov

LA STELLA – Manuchar Markoishvili: con Ricky Hickman si divide il ruolo di leader emotivo e tecnico della squadra di Kokoskov. L’ex giocatore di Cantù, cresciuto tantissimo in Brianza, sarà il faro della Georgia, l’uomo attraverso cui passano tutti i palloni per il ball handling e la visione di gioco. I 18 punti, 4 assist e 3 rimbalzi di media delle qualificazioni dimostrano come sia l’arma totale della sua squadra.

POLONIA

Marcin Gortat – C – 2.11 – 17.02.1984
Przemyslaw Karnowski – C – 2.15 – 08.11.1993
Adam Hrycaniuk – C – 2.06 – 15.03.1984
Przemyslaw Zamojski – F – 1.93 – 16.12.1986
Michal Ignerski - F – 2.07 – 13.08.1980
Thomas Kelati – F – 1.95 – 27.09.1982
Maciej Lampe – F – 2.11 – 05.02.1985
Mateusz Ponitka – F – 1.96 – 29.08.1993
Lukasz Koszarek - G – 1.87 – 12.01.1984
Krzysztof Szubarga – G – 1.78 – 05.07.1984
Adam Waczynski – G – 1.99 – 15.10.1989
Michal Chylinski – G – 1.96 – 22.02.1986
Coach: Dirk Bauermann

LA STELLA – Marcin Gortat: il centro attualmente ai Suns è migliorato tantissimo negli ultimi anni e oltre a giocare benissimo il pick&roll e lottare sotto canestro ha iniziato a mettere con continuità anche il tiro dalla media distanza, e alcuni movimento vicino a canestro. Se in difesa la sua presenza si fa sempre sentire, in attacco dovrà mostrare continuità, ma insieme all’altro lungo, Lampe, forse forma la miglior coppia di lunghi dell’Europeo.

REPUBBLICA CECA

Ondrej Balvín – C – 2.16 – 20.09.1992
Petr Benda – C – 2.04 – 25.03.1982
Kamil Svrdlik – C – 2.04 – 25.11.1986
Jan Vesely – F – 2.11 – 24.04.1990
Pavel Pumprla – F – 1.97 – 13.06.1986
Lubos Barton – F – 1.99 – 07.04.1980
Pavel Houska – F – 2.06 – 23.01.1984
Vojtech Hruban – G – 2.00 – 29.08.1989
David Jelinek – G – 1.97 – 07.09.1990
Jakub Kudlácek – G – 1.93 – 03.03.1990
Tomás Satoransky – G – 2.00 – 30.10.1991
Jiri Welsch – G – 2.00 – 27.01.1980
Coach: Pavel Budinsky

LA STELLA – Jan Vesely: ci si attende molto dall’ala degli Washington Wizards, lungo dall’enorme potenziale tecnico e atletico, ma finora poco espresso, se non due anni fa al Partizan Belgrado. Paragonato ad Andrei Kirilenko per il fisico lungo e asciutto, Vesely dovrà saper essere decisivo, al fianco di un altro giovane come Satoransky e dei veterani Welsch e Barton. Illegale a livello giovanile, deve ancora imporsi in quello senior.

SLOVENIA

Gasper Vidmar – C – 2.10 – 14.09.1987
Mirza Begic – C – 2.16 – 09.07.1985
Jure Balazic – F – 2.04 – 12.09.1980
Edo Muric – F – 2.01 – 27.11.1991
Bostjan Nachbar – F – 2.06 – 03.07.1980
Uros Slokar – F – 2.10 – 14.05.1983
Jaka Blazic - G – 1.96 – 30.06.1990
Goran Dragic – G – 1.94 – 06.05.1986
Zoran Dragic – G – 1.96 – 22.06.1989
Nebojsa Joksimovic – G – 1.93 – 17.11.1981
Jaka Lakovic - G – 1.86 – 09.07.1978
Domen Lorbek – G – 1.98 – 06.03.1985
Coach: Bozidar Maljkovic

LA STELLA – Goran Dragic: dopo un paio di stagioni altalenanti il playmaker ha trovato spazio ai Suns diventandone il co-leader, ruolo che in Nazionale divide con Bostjan Nachbar. Dotato di grandissimo ball-handling e visione di gioco, Dragic dovrà mettere in ritmo i compagni in un’edizione decisiva per questa nazionale che gioca davanti al proprio pubblico e ha un gruppo compatto e abbastanza talentuoso.

SPAGNA

Pablo Aguilar – C – 2.08 – 09.02.1989
German Gabriel – C – 2.07 – 16.11.1980
Marc Gasol – C – 2.15 – 29.01.1985
Xavier Rey – C – 2.09 – 13.07.1987
Fernando San Emeterio – F – 1.99 – 01.01.1984
Victor Claver – F – 2.05 – 30.08.1988
Rudy Fernandez – F – 1.95 – 04.04.1985
Alex Mumbru – F – 2.02 – 12.06.1979
Sergio Llull – G – 1.92 – 15.11.1987
Sergio Rodriguez – G – 1.88 – 12.06.1986
Ricky Rubio – G – 1.90 – 21.10.1990
José Calderón – G – 1.92 – 28.09.1981
Coach: Juan Orenga

LA STELLA – Marc Gasol: senza gli storici leader Navarro e Pau Gasol, toccheranno a lui i gradi di trascinatore della formazione favorita al titolo, il terzo di fila. Marc, reduce da una favolosa stagione ai Memphis Grizzlies condita col titolo di Difensore dell’anno in NBA, è un giocatore unico su due lati del campo dove, nonostante l’enorme stazza e il relativo atletismo, sopperisce con tecnica sopraffina, fondamentali rari e un’intelligenza cestistica che ricorda un mito come Arvydas Sabonis.

GRUPPO D

GRECIA

Yannis Bourousis – C – 2.13 – 17.11.1983
Vassilis Kavvadas – C – 2.05 – 28.12.1991
Michail Bramos – F – 1.98 – 27.05.1987
Antonis Fotsis – F – 2.08 – 02.04.1981
Kostas Kaimakoglou – F – 2.05 – 15.03.1983
Loukas Mavrokefalidis – F – 2.10 – 25.07.1984
Kostas Papanikolaou – F – 2.03 – 31.07.1990
Stratos Perperoglou – F – 2.03 – 07.08.1984
Georgios Printezis – F – 2.05 -22.02.1985
Kostas Sloukas – G – 1.98 – 15.01.1990
Vassilis Spanoulis – G – 1.92 – 07.08.1982
Nikos Zisis – G – 1.96 – 16.08.1983
Coach: Andrea Trinchieri

LA STELLA – Vassilis Spanoulis: ha guidato l’Olympiacos a due Eurolega consecutive e ora vuole provarci anche con la sua nazionale. Il ct Trinchieri gli ha affidato le chiavi della squadra, eredità di Diamantidis, e ora la guardia 31enne dovrà trascinare i suoi con la leadership che lo contraddistingue. Attaccante completo e soprattutto un vincente: l’anno scorso quasi 20 e 6 assist di media non bastarono per andare ai Giochi. Vorrà rifarsi.

FINLANDIA

Antti Nikkilä – C – 2.10 – 25.08.1978
Tuukka Kotti – F – 2.05 – 18.03.1981
Gerald Lee – F – 2.08 – 23.11.1987
Hanno Möttölä – F – 2.09 – 09.09.1976
Kimmo Muurinen – F – 2.02 – 23.02.1981
Roope Ahonen – G – 1.87 – 12.06.1990
Samuel Haanpää – G – 2.03 – 27.09.1986
Shawn Huff – G – 1.98 – 05.05.1984
Mikko Koivisto – G – 1.94 – 18.04.1987
Petteri Koponen – G – 1.94 – 13.04.1988
Teemu Rannikko – G – 1.89 – 09.09.1980
Sasu Salin – G – 1.91 – 11.06.1991
Coach: Henrik Dettmann

LA STELLA – Petteri Koponen: il playmaker del Khimki, ex Virtus Bologna, è il trascinatore designato degli Honka Boys. In una squadra ricca di veterani, con ancora Rannikko, Kotti e Mottola, Koponen avrà tanto la palla in mano e si dedicherà certamente a produrre più punti possibili, grazie alle grandi doti di penetratore e in generale di attaccante. Nelle qualificazioni ha viaggiato a quasi 20 punti e 5 assist di media.

ITALIA

Marco Cusin – C – 2.11 – 28.02.1985
Daniele Magro – C – 2.08 – 14.04.1987
Guido Rosselli – F – 1.98 – 25.05.1983
Luigi Datome – F – 2.03 – 27.11.1987
Alessandro Gentile – F – 2.00 – 12.11.1992
Nicolò Melli – F – 2.05 – 26.01.1991
Giuseppe Poeta – G – 1.91 – 12.09.1985
Pietro Aradori – G – 1.94 – 09.12.1988
Marco Belinelli – G – 1.96 – 25.03.1986
Andrea Cinciarini – G – 1.90 – 21.06.1986
Luca Vitali – G – 2.01 – 09.05.1986
Travis Diener – G – 1.85 – 01.03.1982
Coach: Simone Pianigiani

LA STELLA – Marco Belinelli: senza Bargnani e Gallinari la guardia bolognese fresco di firma con i San Antonio Spurs è il leader designato degli azzurri. Reduce da una stagione importante con i Bulls, cresciuto sotto coach Tom Thibodeau soprattutto come difensore e come approccio al gioco, Belinelli dovrà affiancare alle sue doti di realizzatore (tiro e penetrazione) il coinvolgimento dei compagni, soprattutto Datome e Diener.

RUSSIA

Dmitry Sokolov – C – 2.14 – 21.01.1985
Alexey Savrasenko – C – 2.15 – 28.02.1979
Sergey Monya – F – 2.02 – 15.04.1983
Semen Antonov – F – 2.02 – 18.07.1989
Sergey Karasev – F – 2.03 – 26.10.1993
Evgeny Valiev – F – 2.05 – 03.05.1990
Dmitry Khvostov – G – 1.90 – 21.08.1989
Dmitry Kulagin – G – 1.97 – 01.07.1992
Vitaliy Fridzon – G – 1.95 – 14.10.1985
Anton Ponkrashov – G – 2.00 – 23.04.1986
Aleksey Shved – G – 1.98 – 16.12.1988
Evgeny Voronov – G – 1.94 – 07.05.1986
Coach: Vasiliy Karasev

LA STELLA – Alexei Shved: con la rinuncia di Kirilenko, tocca alla guardia reduce dalla prima stagione in NBA ai Minnesota Timberwolves provare a portare la Russia almeno alla seconda fase. Shved è una combo guard completa e moderna, capace di portare palla, tirare da fuori, attaccare il canestro e mettere in ritmo i compagni. Per il 25enne talento cresciuto nel CSKA una vetrina importante dopo gli 11 punti e 6 di media che a Londra valsero il bronzo.

SVEZIA

Brice Massamba – C – 2.07 – 08.07.1988
Joakim Kjellbom – C – 2.13 – 22.04.1979
Jonas Jerebko – F – 2.07 – 02.03.1987
Erik Rush - F – 1.97 – 21.06.1988
Jonathan Skjöldebrand – F – 2.04 – 02.08.1983
Jeffery Taylor – F – 2.03 – 23.05.1989
Anton Gaddefors – F – 2.00 – 04.11.1989
Viktor Gaddefors – F – 2.03 – 08.10.1992
Dino Pita – G – 1.93 – 20.09.1988
Kenny Grant – G – 1.88 – 16.03.1982
Ludvig Hakanson – G – 1.87 – 22.03.1996
Thomas Massamba – G – 1.85 – 28.03.1985
Coach: Bradley Scott Dean

LA STELLA – Jonas Jerebko: un infortunio l’ha bloccato quando stava trovando spazio nei Detroit Pistons in piena ricostruzione ma le doti dell’ex Biella sono molte così come la sua duttilità in campo; a livello europeo si nota ancora di più il suo atletismo su entrambe le metà campo e il suo impatto dovrà essere decisivo per trascinare i tanti ragazzi presenti nel roster, tra cui il virtussino Viktor Gaddefors.

TURCHIA

Ömer Asik – C – 2.12 – 04.07.1986
Semih Erden – C – 2.11 – 28.07.1986
Oguz Savas – C – 2.11 – 13.07.1987
Kerem Gönlüm – F – 2.09 – 22.11.1977
Ersan Ilyasova – F – 2.08 – 15.05.1987
Hidayet Türkoglu – F – 2.08 – 19.03.1979
Emir Preldzic – F – 2.05 – 06.09.1987
Ender Arslan – G – 1.85 – 13.01.1983
Dogus Balbay – G – 1.85 – 21.01.1989
Serhat Cetin – G – 1.97 – 23.02.1986
Sinan Güler – G – 1.92 – 08.11.1983
Ömer Onan – G – 1.94 – 04.02.1978
Coach: Bogdan Tanjevic

LA STELLA – Hidayet Turkoglu: la point forward degli Orlando Magic, 34 anni, torna a rivestire i panni di leader tecnico ed emotivo della nazionale turca di Tanjevic, ricca di talento e centimetri per provare a tornare in zona medaglia. Dopo la finale del Mondiale 2010 in casa, Turkoglu avrà grandi motivazioni per dimenticare in particolare l’ultima stagione, segnata anche da da una squalifica per 20 gare a causa del doping.