BasketCaffe.com

Roster Mondiali 2014

Per conoscere tutti i roster e i giocatori delle 24 nazionali impegnate nei Mondiali di Spagna, oltre alla “stella” della formazione.

GRUPPO A

SPAGNA

Serge Ibaka – C – 2.08 – 18.09.1989
Felipe Reyes – C – 2.06 – 16.03.1980
Marc Gasol – C – 2.15 – 29.01.1985
Pau Gasol – C – 2.15 – 06.07.1980
Alex Abrines – F – 1.98 – 01.08.1993
Victor Claver – F – 2.05 – 30.08.1988
Rudy Fernandez – F – 1.95 – 04.04.1985
Juan Carlos Navarro – G – 1.91 – 13.06.1980
Sergio Llull – G – 1.92 – 15.11.1987
Sergio Rodriguez – G – 1.88 – 12.06.1986
Ricky Rubio – G – 1.90 – 21.10.1990
José Calderón – G – 1.92 – 28.09.1981
Coach: Juan Orenga

LA STELLAJuan Carlos Navarro: dovrebbe essere l’ultimo canto del cigno con le Furie Rosse per la Stella del Barcelona. Navarro ha sofferto a lungo di fascite plantare ed altri malanni e anche nell’ultima stagione con i blaugrana è andato a corrente alternata. Dovrà mettere tutta la sua esperienza e le sue capacità per riportare alla vittoria la Spagna, sapendo che comunque il futuro della Nazionale è in ottime mani.

FRANCIA

Rudy Gobert – C – 2.18 – 26.06.1992
Kim Tillie – C – 2.10 – 15.06.1988
Joffrey Lauvergne – F – 2.03 – 30.09.1991
Nicolas Batum – F – 2.03 – 14.12.1988
Boris Diaw – F – 2.05 – 16.04.1982
Florent Pietrus – F – 2.01 – 19.01.1981
Mickael Gelabale – F – 2.00 – 22.05.1983
Thomas Heurtel – G – 1.87 – 10.04.1989
Edwin Jackson – G – 1.88 – 18.09.1989
Antoine Diot – G – 1.90 – 17.01.1989
Evan Fournier – G – 1.98 – 29.10.1992
Charles Kahudi – G – 1.99 – 19.07.1986
Coach: Vincent Collet

LA STELLANicolas Batum: dopo la vittoria agli ultimi Europei i transalpini si sono tolti dalle spalle una scimmia enorme; l’assenza di Parker si farà sentire ma il ruolo di leader (anche per il futuro) lo dovrà per forza di cose prendere l’ala dei Blazers, insieme a Diaw. Il suo atletismo, combinato alle sue doti di tiro da fuori, lo rendono un giocatore difficilissimo da marcare, ancora di più in competizioni di area FIBA. Ripetere l’impresa fatta in Slovenia sarà difficile ma non è impossibile.

SERBIA

Vladimir Stimac – C – 2.11 – 25.08.1987
Miroslav Raduljica – C – 2.13 – 05.01.1988
Nenad Krstic – C – 2.13 – 25.07.1983
Raško Katić – F – 2.08 – 08.12.1980
Nemanja Bjelica – F – 2.09 – 09.05.1988
Stefan Birčević – F – 2.10 – 13.12.1989
Nikola Kalinic – F – 2.02 – 08.11.1991
Marko Simonović – F – 2.03 – 30.05.1986
Stefan Markovic – G – 1.95 – 25.04.1988
Stefan Jović – G – 1.90 – 03.11.1990
Bogdan Bogdanovic – G – 1.98 – 18.08.1992
Milos Teodosic – G – 1.95 – 19.03.1987
Coach: Sasha Djordjevic

LA STELLABogdan Bogdanovic: 22 anni ma già tantissima personalità che gli hanno permesso la chiamata del Fenerbahce dopo il premio di Rising Star dell’ultima Eurolega. Se Teodosic e Krstic sono i leader della vecchia guardia che dovranno aiutare nella crescita i più giovani, coach Djordjevic si affiderà non poco a Bogdanovic e alla sua esuberanza per cercare di andare il più avanti possibile, pur partendo in un gruppo complesso.

BRASILE

Anderson Varejao – C – 2.07 – 28.09.1982
Tiago Splitter – C – 2.09 – 01.01.1985
Nene – C – 2.11 – 13.09.1982
Rafael Hettsheimeir – C – 2.08 – 16.06.1986
Guilherme Giovannoni – F – 2.04 – 02.06.1980
Marcus Vieira – F – 2.07 – 31.05.1984
Larry Taylor – F – 1.85 – 03.10.1980
Marcelo Machado – G – 2.01 – 12.04.1975
Leandro Barbosa – G – 1.91 – 28.11.1982
Raul Neto – G – 1.85 – 19.05.1992
Marcelo Huertas – G – 1.90 – 25.05.1983
Alex Garcia – G – 1.89 – 04.03.1980
Coach: Ruben Magnano

LA STELLATiago Splitter: dopo il titolo vinto con gli Spurs giocando tanti minuti anche nelle Finals da protagonista si affaccia a questa manifestazione con il ruolo di leader di una squadra che non è mai riuscita ad arrivare ai livelli che ci si aspettava. Con lui nel reparto lunghi ci sono altri due NBAers come Nene e Varejao mentre tra le guardie a servirli ci penseranno l’esperienza di Huertas e Barbosa e la freschezza di Raulzinho.

EGITTO

Haytham Khalifa – C – 2.08 – 17.01.1987
Seifeldin Samir Abdou Said – C – 2.05 – 05.06.1993
Moamen Abdou El Lanin – F – 1.96 – 25.06.1986
Moustafa Elmekawi – F – 2.04 – 22.06.1995
Youssef Abou-Shousha – F – 1.92 – 09.06.1993
Ramy Abd Alla – F – 2.05 – 06.02.1988
Asraf Rabie – F – 2.04 – 16.01.1983
Sheriff Abd Alla – G – 1.88 – 03.04.1979
Mouhanad El Sabagh – G – 1.81 – 23.04.1988
Ibrahim El Gammal – G – 1.90 – 23.03.1988
Wael Khedr – G – 1.97 – 01.12.1978
Amr Abdelhalim – G – 1.93 – 14.06.1991
Coach: Amr Aboul-Kheir

LA STELLAIbrahim El Gammal: la guardia dovrà prendere in mano la squadra data l’assenza del leader Marei e non sarà facile. All’ultima edizione di Afrobasket ha chiuso con 9.4 punti di media tirando però con pessime percentuali; per dare una chance di passaggio del turno all’Egitto dovrà migliorare parecchio.

IRAN

Hamed Haddadi – C – 2.18 – 19.05.1985
Asghar Kardoust – C – 2.11 – 21.03.1986
Rouzbeh Arghavan – C – 2.14 – 18.05.1988
Samad Nikkhah Bahrami – F – 1.98 – 11.05.1983
Oshin Sahakian – F – 2.00 – 21.03.1986
Arsalan Kazemi – F – 2.01 – 22.04.1990
Arman Zanganeh – F – 2.03 – 15.06.1993
Mohammad Jamshidi – F – 1.99 – 30.07.1991
Behnam Yakhchali – G – 1.91 – 12.07.1995
Hamed Afagh – G – 1.92 – 01.02.1983
Mahdi Kamrani – G – 1.86 – 01.06.1982
Sajjad Mashayekhi – G – 1.83 – 05.03.1994
Coach: Mehmed Becirovic

LA STELLAHamed Haddadi: il centrone visto anche in NBA è il faro tecnico oltre che il leader di questa nazionale. Sulle sue doti in attacco si basa tutto il gioco di coach Becirovic che può contare anche su Kazemi, altro giocatore con esperienza NCAA. Nonostante i 218cm preferisce giocare fronte canestro piuttosto che spalle e questo limita un po’ il suo gioco (18.8 punti e 10 rimbalzi di media agli Asia Championship 2013), ma il centro iraniano è sicuramente uno dei giocatori più interessanti della competizione.

GRUPPO B

ARGENTINA

Luis Scola – C – 2.04 – 30.04.1980
Marcos Delia – C – 2.06 – 08.04.1992
Matias Bortolin – C – 2.07 – 11.04.1993
Leonardo Gutiérrez – F – 2.01 – 16.05.1978
Marcos Mata – F – 2.01 – 01.08.1986
Walter Herrmann – F – 2.03 – 26.06.1979
Andres Nocioni – F – 2.01 – 30.11.1979
Selem Safar – F – 1.90 – 06.05.1987
Tayavek Gallizzi – F – 2.03 – 08.02.1993
Nicolas Laprovittola – G – 1.94 – 31.01.1990
Facundo Campazzo – G – 1.79 – 23.03.1991
Pablo Prigioni – G – 1.91 – 17.05.1977
Coach: Julio Cesar Lamas

LA STELLALuis Scola: senza l’infortunato Manu Ginobili sarà ancora una volta lui a guidare l’Albiceleste alla ricerca dell’ennesima impresa; insieme a Prigioni, Nocioni e Herrmann è il giocatore con maggiore esperienza e con maggiori doti tecniche della squadra. La sua capacità di giocare il post basso e il suo tiro frontale lo rendono da più di dieci anni un rebus per tantissime difese, ma questa volta anche delle prestazioni monstre potrebbero non bastare.

CROAZIA

Luksa Andric – C – 2.10 – 29.01.1985
Ante Tomic – C – 2.17 – 17.02.1987
Luka Zoric – C – 2.11 – 05.11.1984
Luka Babic – F – 2.00 – 29.09.1991
Damir Markota – F – 2.09 – 26.12.1985
Damjan Rudez – F – 2.08 – 17.06.1986
Dario Saric – F – 2.08 – 08.04.1994
Mario Hezonja – F – 2.00 – 25.02.1995
Oliver Lafayette – G – 1.90 – 06.05.1984
Krunoslav Simon – G – 1.97 – 24.06.1985
Bojan Bogdanovic – G – 2.00 – 18.04.1989
Roko Leni Ukic – G – 1.96 – 05.12.1984
Coach: Jasmin Repesa

LA STELLABojan Bogdanovic: è pronto per prendere in mano la nazionale come già ha fatto per larghi tratti la scorsa stagione con il Fenerbahce. Il prossimo anno giocherà nei Brooklyn Nets, tentando la strada NBA che per stazza fisica e doti tecniche potrebbe tranquillamente fare per lui, ma nel frattempo avrà questa importante vetrina per mettersi in mostra agli occhi di coach Hollins, per confermarsi come grande tiratore ma dimostrare di non essere solo un giocatore perimetrale.

GRECIA

Yannis Bourousis – C – 2.13 – 17.11.1983
Andreas Glyniadakis – C – 2.14 – 26.08.1981
Ian Vougioukas – C – 2.13 – 31.05.1985
Kostas Kaimakoglou – F – 2.05 – 15.03.1983
Giannis Antetokounmpo – F – 2.11 – 06.12.1994
Kostas Papanikolaou – F – 2.03 – 31.07.1990
Georgios Printezis – F – 2.05 -22.02.1985
Evangelos Mantzaris – G – 1.96 -16.04.1990
Kostas Vasileiadis – G – 2.00 – 15.03.1984
Kostas Sloukas – G – 1.98 – 15.01.1990
Nick Calathes – G – 1.98 – 07.02.1989
Nikos Zisis – G – 1.96 – 16.08.1983
Coach: Fotis Katsikaris

LA STELLAKostas Papanikolaou: ha appena firmato un ricco contratto con gli Houston Rockets per la prossima stagione e questo non farà altro che aumentare la sua autostima e la sua carica in vista di questa manifestazione. Senza Spanoulis dovrà essere lui a guidare la squadra, sempre aiutato dai “senatori” Bourousis, Zisis e Printezis, dimostrando con l’atletismo e il buon tiro dalla lunga distanza di cui è dotato che la stagione opaca al Barcelona è stata solamente una parentesi sfortunata della carriera.

PORTORICO

Daniel Santiago – C – 2.13 – 24.06.1976
Ramon Clemente – C – 2.00 – 11.12.1985
Jorge Bryan Diaz – F – 2.11 – 13.11.1989
Renaldo Balkman – F – 2.00 – 14.07.1984
Ricardo Sanchez – F – 2.13 – 06.07.1987
Alex Franklin – F – 2.01 – 11.07.1988
Alex Galindo – F – 2.00 – 06.05.1985
Angel Daniel Vassallo – F – 1.98 – 02.04.1986
David Huertas – G – 1.95 – 02.06.1987
Carlos Rivera – G – 1.87 – 05.02.1983
Josè Barea – G – 1.80 – 26.06.1984
Carlos Arroyo – G – 1.85 – 30.07.1979
Coach: Francisco Olmos Hernandez

LA STELLACarlos Arroyo: gli anni passano ma il leader della squadra rimane sempre l’ex NBA, che ha da poco rinnovato il contratto per un’altra stagione con i turchi del Galatasaray. Con Barea forma una coppia di guardie con un altissimo tasso di ball-handling e visione di gioco, ma Arroyo negli anni si è trasformato anche in trascinatore dei compagni in più di un’occasione, anche in Nazionale.

SENEGAL

Gorgui Dieng – C – 2.11 – 18.01.1990
Hamady Ndiaye – C – 2.10 – 12.01.1987
Ibrahima Thomas – C – 2.12 – 07.02.1987
Pape Abdou Badji – F – 2.08 – 04.04.1992
Mohamed Diop – F – 1.98 – 14.05.1991
Maurice Ndour – F – 2.06 – 18.06.1992
Mouhammad Faye – F – 2.06 – 14.09.1985
Maleye Ndoye – F – 2.03 – 19.08.1980
Djibril Thiam – F – 2.08 – 06.07.1986
Thierno Ibrahima Niang – G – 1.85 – 08.03.1990
Xane D’Almeida – G – 1.83 – 21.01.1983
Mamadou Ndoye – G – 1.90 – 06.10.1979
Coach: Cheikh Sarr

LA STELLAGorgui Dieng: il centro dopo l’esperienza maturata all’Università di Louisville (vittoria titolo NCAA 2013, venendo nominato Big East Defensive Player of the Year) e quella dello scorso anno nei Minnesota Timberwolves (minutaggio in crescita nella seconda metà di stagione), è pronto per prendere in mano anche la Nazionale e cercare di farle fare un miracolo. Discreto tiro frontale e super atletismo, Dieng è soprattutto nella sua metà campo dove può fare la differenza.

FILIPPINE

Andray Blatche – C – 2.11 – 22.08.1986
June Mar Fajardo – C – 2.08 – 17.11.1989
Jean Marc Pingris – F – 1.96 – 16.10.1981
Japeth Aguilar – F – 2.08 – 25.01.1987
Ranidel De Ocampo – F – 1.96 – 08.12.1981
Gabriel Daniel Norwood – G – 1.94 – 09.02.1985
Gary David – G – 1.88 – 13.07.1978
Jeffrei Allan Chan – G – 1.93 – 11.02.1983
Jayson Castro – G – 1.76 – 30.06.1986
Lewis Alfred Tenorio – G – 1.76 – 09.07.1984
Jim Alapag – G – 1.76 – 30.12.1977
Paul Lee – G – 1.80 – 14.02.1989
Coach: Vincent Reyes

LA STELLAAndray Blatche: da giocatore talentuoso ma problematico a Washington si è trasformato lo scorso anno ai Nets in un’arma importantissima, ed ora è un free agent in cerca di squadra. Se la Federazione Filippina gli darà il via libera a partecipare, questo Mondiale potrà essere per lui una vetrina molto importante con una squadra con poco talento ma tantissima voglia di farsi vedere agli occhi del mondo.

GRUPPO C

STATI UNITI

DeMarcus Cousins – C – 2.11 – 13.08.1990
Anthony Davis – C – 2.08 – 11.03.1993
Andre Drummond – C – 2.13 – 10.09.1993
Mason Plumlee – C – 2.08 – 05.03.1990
Kenneth Faried- F – 2.03 – 19.11.1989
Rudy Gay – F – 2.03 – 17.08.1986
Kyrie Irving – G – 1.91 – 23.03.1992
James Harden – G – 1.96 – 26.08.1989
DeMar DeRozan – G – 2.01 – 08.07.1989
Stephen Curry – G – 1.91 – 14.03.1988
Derrick Rose – G – 1.91 – 04.10.1988
Klay Thompson – G – 2.01 – 08.02.1990
Coach: Mike Krzyzewski

LA STELLADerrick Rose: con l’infortunio di Paul George e l’abbandona di Kevin Durant il leader della squadra torna ad essere l’ex MVP della NBA che dopo due stagioni fermo ai box per gravi infortuni è prontissimo a ripartire per far vedere al Mondo di essere tornato lo stesso giocatore che ha ammaliato tutti ai Bulls. I miglioramenti al tiro da fuori combinati all’esplosività che ha sempre avuto lo rendono un’arma totale, pronta a guidare alla medaglia d’Oro gli Stati Uniti.

TURCHIA

Oguz Savas – C – 2.11 – 13.07.1987
Omer Asik – F – 2.14 – 04.07.1986
Barıs Hersek – F – 2.07 – 26.03.1988
Kerem Gönlüm – F – 2.09 – 22.11.1977
Furkan Aldemir – F – 2.07 – 09.08.1991
Cenk Akyol – F – 1.93 – 16.04.1987
Emir Preldzic – F – 2.06 – 06.09.1987
Ender Arslan – G – 1.85 – 13.01.1983
Serhat Cetin – G – 1.97 – 23.02.1986
Sinan Güler – G – 1.92 – 08.11.1983
Barıs Ermis – G – 1.92 – 03.01.1985
Kerem Tunceri – G – 1.94 – 14.04.1979
Coach: Ergin Ataman

LA STELLAOmer Asik: il centro che dalla prossima stagione giocherà nei New Orleans Pelicans sarà il faro della nazionale turca che punta al riscatto dopo la pessima figura fatta agli ultimi Europei. Asik che da sempre è un totem difensivo dovrà farsi carico anche di alcune incombenze offensive, coadiuvato soprattutto dai due talenti Preldzic e Aldemir.

FINLANDIA

Tuukka Kotti – F – 2.05 – 18.03.1981
Gerald Lee – F – 2.08 – 23.11.1987
Erik Murphy – F – 2.08 – 26.10.1990
Hanno Möttölä – F – 2.09 – 09.09.1976
Matti Nuutinen – F – 2.00 – 06.05.1990
Kimmo Muurinen – F – 2.02 – 23.02.1981
Shawn Huff – G – 1.98 – 05.05.1984
Mikko Koivisto – G – 1.94 – 18.04.1987
Petteri Koponen – G – 1.94 – 13.04.1988
Teemu Rannikko – G – 1.89 – 09.09.1980
Sasu Salin – G – 1.91 – 11.06.1991
Antero Juhani Letho – G – 1.98 – 02.04.1984
Coach: Henrik Dettmann

LA STELLAPetteri Koponen: il playmaker ex Virtus Bologna è il trascinatore designato degli Honka Boys insieme ai giovani Salin e Murphy dei Jazz. In una squadra che ad ogni modo conta ancora molto sui veterani Rannikko, Kotti e Mottola, sarà Koponen ad avere tanto la palla in mano per cercare di mettere punti a referto ma anche di far girare nel miglior modo possibile i compagni, entrambe cose che appartengono al suo bagaglio tecnico.

UCRAINA

Viacheslav Kravtsov – C – 2.12 – 25.08.1987
Ihor Zaytsev – C – 2.10 – 11.05.1989
Kyryl Natyazhko – C – 2.07 – 30.11.1990
Artem Pustovyi – C – 2.18 – 25.06.1992
Maksym Pustozvonov – F – 2.00 – 16.04.1987
Maxym Korniyenko – F – 2.05 – 26.06.1987
Sviatoslav Mykhailiuk – G – 2.03 – 10.06.1997
Sergii Gladyr – G – 1.99 – 17.10.1988
Eugene Jeter – G – 1.80 – 02.12.1983
Oleksandr Lypovyy – G – 2.01 – 09.10.1991
Olexandr Mishula – G – 1.91 – 18.04.1992
Dmytro Zabirchenko – G – 1.89 – 15.06.1984
Coach: Mike Fratello

LA STELLAEugene Pooh Jeter: il playmaker 31enne di Los Angeles, fratello della sprinter Carmelita Jeter, è il faro offensivo di una nazionale giovane che dopo aver sorpreso all’ultimo Eurobasket (eliminando l’Italia nella partita decisiva) giocherà senza pressione e quindi potrebbe rivelarsi molto pericolosa. Reduce da un paio di stagioni in Cina (dopo aver giocato in giro per l’Europa), l’ex giocatore dei Sacramento Kings è pronto per candidarsi come uno dei migliori marcatori della manifestazione.

REPUBBLICA DOMINICANA

Eloy Vargas – C – 2.10 – 30.12.1988
Eulis Báez – F – 1.98 – 18.03.1982
Edward Santana – F – 2.03 – 20.04.1980
Jack Michael Martínez – F – 2.01 – 12.10.1981
Orlando Sánchez – F – 2.06 – 26.05.1988
Francisco García – F – 2.01 – 31.12.1980
James Feldeine – G – 1.93 – 26.06.1988
Víctor Liz – G – 1.99 – 12.05.1986
Juan Coronado – G – 1.85 – 25.08.1983
Manuel Fortuna – G – 1.86 – 23.03.1985
Edgar Sosa – G – 1.85 – 15.01.1988
Ronald Ramón – G – 1.82 – 14.01.1986
Coach: Orlando Antigua

LA STELLAJames Feldeine: l’assenza nel reparto lunghi di Horford si farà sentire e proprio per questo la squadra centramericana dovrà affidarsi soprattutto alle sue guardie per sperare nel passaggio del turno. Il neo acquisto della Pallacanestro Cantù ha tutte le carte in regola per diventare uno dei leader di questa squadra (insieme al più esperto Garcia) avendo ottime doti realizzative e sapendo bene come si mettono in ritmo i compagni.

NUOVA ZELANDA

Rob Loe – C – 2.10 – 05.08.1991
Casey Frank – F – 2.03 – 23.10.1977
Isaac Fotu – F – 2.03 – 18.12.1993
BJ Anthony- F – 1.98 – 20.07.1988
Mika Vukona – F – 1.93 – 13.05.1982
Everard Bartlett – F – 1.98 – 06.02.1986
Tom Abercrombie – F – 1.98 – 05.07.1987
Kirk Penney – G – 1.96 – 23.11.1980
Jarrod Kenny – G – 1.88 – 17.09.1985
Corey Webster – G – 1.89 – 29.11.1988
Tai Webster – G – 1.86 – 29.05.1995
Lindsay Tait – G – 1.90 – 08.01.1982
Coach: Nenad Vucinic

LA STELLAKirk Penney: la guardia che milita nel campionato turco, ma ha girato mezzo mondo, è il leader e il trascinatore offensivo della squadra con l’altezza media più bassa di tutti i Mondiali (appena 196 cm)! Attenzione però a dare per spacciati i neozelandesi perchè già allo scorso Mondiale non hanno sfigurato, e Penney è stato il secondo miglior marcatore della manifestazione con 24.7 punti di media, sintomo che il ragazzo sa segnare e tirare.

GRUPPO D

LITUANIA

Jonas Valanciunas – C – 2.10 – 06.05.1992
Paulius Jankūnas – C – 2.05 – 29.04.1984
Donatas Motiejunas – F – 2.13 – 20.09.1990
Mindaugas Kuzminskas – F – 2.05 – 19.10.1989
Darjus Lavrinovic – F – 2.12 – 01.11.1979
Ksistof Lavrinovic – F – 2.10 – 01.11.1979
Jonas Maciulis – F – 1.98 – 10.02.1985
Martynas Pocius – F – 1.96 – 28.04.1986
Renaldas Seibutis – F – 1.96 – 23.07.1985
Simas Jasaitis – F – 2.01 – 26.03.1982
Adas Juškevičius – G – 1.94 – 03.01.1989
Šarūnas Vasiliauskas – G – 1.88 – 27.03.1989
Coach: Jonas Kazlauskas

LA STELLAJonas Valanciunas: dopo la buona stagione vissuta con i Raptors, il big man (che ha aumentato notevolmente la sua massa muscolare dall’approdo in NBA) è chiamato ad essere il go-to-guy della sua nazionale in Spagna. La squadra rimane una delle più interessanti del torneo visto il mix di talento giovane e giocatori esperti in tutti i ruoli. La mancanza di Kalnietis (fuori all’ultimo per un problema alla clavicola) si farà sentire parecchio, ma Valanciunas sarà comunque la base del gioco di coach Kazlauskas.

SLOVENIA

Alen Omic – C – 2.18 – 06.05.1992
Jure Balazic – F – 2.04 – 12.09.1980
Miha Zupan – F – 2.04 – 13.09.1982
Edo Muric – F – 2.01 – 27.11.1991
Uros Slokar – F – 2.10 – 14.05.1983
Jaka Blazic - G – 1.96 – 30.06.1990
Goran Dragic – G – 1.94 – 06.05.1986
Zoran Dragic – G – 1.96 – 22.06.1989
Jaka Klobucar – G – 1.97 – 19.08.1987
Domen Lorbek – G – 1.98 – 06.03.1985
Klemen Prepelic – G – 1.89 – 20.10.1992
Aleksej Nikolic – G – 1.91 – 21.02.1995
Coach: Jure Zdovc

LA STELLAGoran Dragic: il ruolo di leader ai Suns gli ha permesso anche in questa stagione di brillare particolarmente in NBA ritagliandosi un ruolo importante e sfiorando la convocazione all’All-Star Game. Con la sua Nazionale dovrà riuscire a fare altrettanto, sfruttando le sue doti offensive e di visione di gioco per segnare e mettere in ritmo i compagni, cercando un aiuto dal fratellino Zoran che a Eurobasket ha veramente impressionato.

AUSTRALIA

David Andersen – C – 2.12 – 23.06.1980
Nathan Jawai – C – 2.04 – 10.10.1986
Brock Motum – F – 2.06 – 16.10.1990
Aron Baynes – F – 2.07 – 09.12.1986
Cameron Bairstow – F – 2.07 – 07.12.1990
Ryan Broekhoff – F – 2.01 – 23.08.1990
Joe Ingles – F – 2.04 – 02.10.1987
Brad Newley – F – 1.99 – 18.02.1985
Adam Gibson – G – 1.88 – 30.10.1986
Chris Goulding – G – 1.92 – 24.10.1988
Matthew Dellavedova – G – 1.91 – 08.09.1990
Dante Exum – G – 1.93 – 13.07.1995
Coach: Andrej Marcus Lemanis

LA STELLADante Exum: di sicuro non sarà il leader vista la giovanissima età e la pochissima esperienza, ma la scelta dei Jazz all’ultimo Draft NBA promette grande spettacolo ed è chiamato a far vedere tutti i suoi numeri. In un gruppo giovane dove la vecchia guardia è ancora saldamente al comando, Exum dovrà prendere l’eredità lasciata dall’infortunato Mills… un’eredità non semplice ma che lui potrebbe non far rimpiangere troppo.

MESSICO

Lorenzo Mata – C – 2.03 – 27.02.1986
Héctor Hernández – C – 2.05 – 15.06.1985
Gustavo Ayon – C – 2.07 – 01.04.1985
Fernando Benitez – F – 2.04 – 06.08.1989
Roman Martínez – F – 1.97 – 05.03.1988
Jesús González – F – 1.95 – 14.07.1986
Noé Alonzo – F – 2.00 – 28.12.1983
Paul Stoll – G – 1.78 – 14.12.1985
Jorge Gutierrez – G – 1.90 – 27.12.1988
Pedro Meza – G – 1.82 – 15.10.1985
Orlando Mendez-Valdez – G – 1.82 – 29.04.1986
Jovan Harris – G – 1.92 – 20.02.1981
Coach: Sergio Moreno

LA STELLAGustavo Ayon: è stato il trascinatore della squadra nella vittoria degli ultimi Centrobasket Championship mentre in NBA anche a causa di qualche infortunio non è riuscito a trovare grande continuità. Giocatore solido vicino al ferro, buon fisico e discreta capacità di concludere, che può viaggiare tranquillamente in doppia-doppia di media. Insieme a Gutierrez dei Nets sarà il giocatore simbolo dei messicani.

ANGOLA

Valdélicio Joaquim – C – 2.08 – 15.04.1990
Yanick Moreira – C – 2.05 – 31.07.1991
Reggie Moore – F – 2.03 – 31.03.1981
Joaquim Gomes- F – 2.02 – 23.12.1980
Islando Manuel – F – 1.92 – 07.01.1991
Olimpio Cipriano – F – 1.93 – 09.04.1982
Eduardo Mingas – F – 1.96 – 29.01.1979
Edson Ndoniema – G – 1.91 – 11.02.1991
Roberto Fortes – G – 1.93 – 09.11.1984
Hermenegildo Dos Santos – G – 1.92 – 16.08.1990
Armando Costa – G – 1.93 – 03.06.1983
Milton Barros – G – 1.94 -21.06.1984
Coach: Paul George Macedo

LA STELLAReggie Moore: la mancanza dei due giocatori simbolo (Morais e Paulo) si farà sentire non poco per la squadra africana che dovrà affidarsi molto al collettivo per cercare di strappare qualche risultato decente da questo Mondiale. Moore è un’ala esperta, con discreto tiro dalla lunga distanza che riesce a combinare sia presenza a rimbalzo sia capacità di mettere in ritmo i compagni.

COREA DEL SUD

Kim Jong-kyu – C – 2.07 – 03.07.1991
Lee Jong-hyun – C – 2.06 – 05.02.1994
Kim Joo-sung – F – 2.05 – 09.11.1979
Oh Se-keun – F – 2.00 – 20.05.1987
Heo Il-young- F – 1.95 – 05.08.1985
Moon Tae-jong – F – 1.98 – 01.12.1975
Cho Sung-min – F – 1.89 – 23.12.1983
Yang Hee-jong – G – 1.94 – 11.05.1984
Kim Tae-sool – G – 1.80 – 13.08.1984
Yang Dong-geun – G – 1.83 – 14.09.1981
Kim Sun-hyung – G – 1.87 – 01.07.1988
Park Chan-hee – G – 1.90 – 17.04.1987
Coach: Yoo Jae-hak

LA STELLACho Sung-min: uno dei realizzatori migliori a disposizione della nazionale asiatica che ha ben figurato nelle ultime due edizioni degli Asia Championship. Buone percentuali al tiro (45.9% da tre, 95.2% ai liberi) e buona personalità dovrà cercare di essere lui la guida per i compagni in una manifestazione così difficile.