BasketCaffe.com










  • Grizzlies a tutto gas

    18/9/2013 | 3 commenti
     

    La perfezione non esiste, anche perchè non c’è niente di meglio che lavorare duramente per scoprirsi migliorati, dall’oggi al domani. Una vera necessità per chi come Marc Gasol ed i suoi Memphis Grizzlies ambiscono a traguardi sempre più prestigiosi. Senza però intaccare quanto di buono è stato costruito nel corso delle ultime tre annate, concluse sempre in postseason.

    La dirigenza Grizzlies si è portata avanti del lavoro già la passata stagione, quando si è deciso di spedire a Toronto Rudy Gay, ex uomo immagine di Memphis (sostituito in copertina dalla coppia “Starsky&Hutch” Zach Randolph e Marc Gasol), per poi farsi carico della decisione importante di affidare la guida tecnica della squadra ad un allenatore esordiente come Dave Joerger.

    » LEGGI TUTTO



  • Eurobasket 2013, tutto quello che dovete sapere sui quarti di finale

    17/9/2013 | Commenta
     

    La grande vittoria di ieri degli Azzurri sui campioni in carica della Spagna, ha concesso alla truppa di Simone Pianigiani un giorno di riposo in più, fondamentale per recuperare le energie e per preparare al meglio la gara contro la Lituania, prossimo ostacolo sul percorso che porta ai Mondiali 2014, e perchè no, verso il tetto d’Europa. L’Italia ha quindi concluso al terzo posto il gruppo F, davanti proprio agli iberici, ma dietro ai padroni di casa della Slovenia ed alla Croazia. Nel girone E invece ad avere la meglio è stata la giovane Serbia precedendo Lituania, Francia e la sorpresa Ucraina.

    » LEGGI TUTTO



  • EuroBasket 2013: l’Italia risorge con la Spagna. Nei quarti c’è la Lituania

    16/9/2013 | 28 commenti
     

    Non contava praticamente nulla, è vero, ma l’Italia ha un sussulto d’orgoglio, dimostra di non morire mai e alla fine batte 86-81 la Spagna al supplementare. In una Stozice Arena di Lubiana per granparte azzurra, la squadra di Simone Pianigiani trova il modo di riscattare le sconfitte con Slovenia e Croazia, piega i due volte campioni d’Europa e due volte argento olimpico e giovedì sera affronterà nei quarti di finale la Lituania, una formazione che evoca ricordi positivi, ovvero la semifinale di Atene 2004 incredibilmente vinta contro il gruppo degli Jasikevicius, Siskauskas e soci. Quel successo ci regalò la possibilità di vincere l’oro olimpico (arrivò comunque l’argento), questa volta vincere varrebbe il pass per i Mondiali di Spagna del prossimo anno.

    » LEGGI TUTTO



  • Oscar Schmidt: una leggenda da Hall of Fame!

    16/9/2013 | 3 commenti
     

    Il massimo riconoscimento per una straordinaria carriera probabilmente è per tutti i giocatori di basket l’inserimento nella Hall of Fame di Sprigfield: i migliori di ogni epoca ci sono entrati e ora anche Oscar Schmidt dal 9 settembre fa parte dell’elite del basket mondiale.
    Ci sono giocatori che probabilmente non hanno bisogno di tali riconoscimenti per essere definiti leggende, tra questi il fuoriclasse brasiliano autentico fuciliere che negli anni ottanta e novanta ha letteralmente crivellato le retine di tutto il mondo.

    » LEGGI TUTTO



  • L’NBA 2013/14? Quella dei debuttanti

    15/9/2013 | Commenta
     

    I debuttanti di cui parliamo non sono i giocatori al primo anno, infatti loro, scelti al Draft, chi più chi meno chi minuti importanti chi garbage time, ogni anno giocano sempre nella NBA; i rookie che prendiamo in riferimento invece sono gli allenatori, ben 9 infatti a fine ottobre quando la Lega alzerà la prima palla a due stagionale saranno al loro debutto assoluto su una panchina NBA. L’esperienza ce l’hanno tutti o quasi, maturata come assistenti o come allenatori al college o nella D-League, ma fare l’Head Coach non è una cosa semplice e il passaggio da una posizione ad un’altra non è per nulla facile, visto anche che spesso la squadra che decide di puntare su un volto nuovo è una in piena ricostruzione o che vuole puntare forte sui suoi giovani.

    » LEGGI TUTTO



  • Eurobasket 2013: Italia sconfitta anche dalla Croazia

    14/9/2013 | 9 commenti
     

    Dopo il grandissimo primo turno di Eurobasket 2013 disputato con 5 vittorie in altrettante partite era chiaro che la nostra Nazionale non potesse continuare a macinare vittorie visto anche che nel secondo turno il livello delle avversarie aumentava notevolmente; lo scivolone rimediato contro la Slovenia quindi poteva essere digerito senza problemi, mentre la partita persa quest’oggi 76-68 contro la Croazia un po’ meno, perchè se è vero che i balcanici sono una squadra fisica è altrettanto vero che non sono sembrati imbattibili e hanno avuto dei vuoti mentali abbastanza importanti che gli azzurri non sono riusciti a sfruttare.

    » LEGGI TUTTO


  • LaMarcus Aldridge in cifre - © Fabio Cappelletto - Basketcaffe.com

    Un pilastro “traballante” in Oregon

    14/9/2013 | 5 commenti
     

    Nell’eterogeneo macrocosmo NBA tante sono le storie che si intrecciano, i sogni di chi cerca di emergere nell’affollato panorama cestistico a stelle e strisce e quelli di coloro che invece, dopo aver affermato la propria superiorità tecnica divenendo leader affermati nelle proprie franchigie, desiderano competere ai massimi livelli per vincere l’anello NBA. La “The Decision” lebroniana rappresenta solo la più recente dei cambi-casacca di successo, quelli in grado di spalancare le porte al titolo, e non mancano gli esempi di go-to-guy pronti a fare le valigie per far parte di una “contender”. Un pensiero a questa possibilità l’ha fatta anche il leader dei Portland Trail Blazers LaMarcus Aldridge, seconda scelta assoluta Blazers nel 2006 il quale, dopo sette stagioni di onorata carriera in Oregon, due convocazioni agli All-Star Game e tre partecipazioni ai playoffs sente la necessità di lottare per il titolo NBA, in Oregon o altrove.

    » LEGGI TUTTO



  • Eurobasket 2013: per l’Italia arriva la prima sconfitta

    13/9/2013 | 16 commenti
     

    Alla fine la prima sconfitta per la Nazionale Italiana a Eurobasket 2013 è arrivata. Gli azzurri ieri sera se la sono giocata fino alla fine contro i padroni di casa della Slovenia sospinti dai 12.000 della Stozice Arena, ma alla fine hanno dovuto incassare la prima L della loro avventura per 84-77. Una partita molto fisica che ci ha visti anche stare davanti nel punteggio nel primo quarto e riuscire a rispondere alle fiammate slovene per più volte, riportando il risultato in parità; Alessandro Gentile è stato il migliore dell’Italia con 20 punti (5/9 da due e 2/3 da tre) mettendoci tutta la grinta e la faccia tosta che possiede, buttandosi dentro a ripetizione contro i lunghi avversari, mentre Datome con 16 (4 triple su 6 tentativi) ci ha tenuto a galla nei primi tre quarti pagando poi forse un po’ di fatica, dovendo difendere gente più grossa o un grande giocatore come Nachbar.

    » LEGGI TUTTO



  • Fiba Americas 2013: trionfa il Messico, delude il Brasile, intriga il Canada

    12/9/2013 | Commenta
     

    Una sorpresa positiva, una sorpresa negativa e una in chiaroscuro escono dai Fiba Americas 2013, che l’altra sera hanno trovato la loro culminazione con la finale giocata a Caracas, in Venezuela. La squadra che ha impressionato positivamente non può che essere il Messico, capace addirittura di vincere il torneo, battendo in finale negli ultimi secondi il Porto Rico per 91-89, portandosi a casa per la prima volta della sua storia una medaglia che in questo caso è anche d’Oro. Una storia che di certo non ha reso famosa la nazionale di basket visto che l’ultima apparizione ad una manifestazione internazionale risale al 1976 alle Olimpiadi di Montréal, mentre per ritrovarli ai Mondiali si deve andare al 1974 a Porto Rico. Con questa vittoria invece la qualificazione per la Coppa del Mondo di Spagna 2014 è arrivata di diritto, rimettendo quindi la nazionale centroamericana sulla cartina geografica della pallacanestro.

    » LEGGI TUTTO



  • Free agency 2014, LeBron James non ci pensa

    12/9/2013 | 3 commenti
     

    La questione terrà banco per tutta questa stagione, questo è sicuro, perchè quando il giocatore più forte al mondo reduce da due Titoli NBA vinti, MVP delle ultime due stagioni regolari (e 4 volte negli ultimi 5 anni), MVP delle ultime due Finals è free agent non può che essere questa la notizia “calda” per parecchi mesi. LeBron James dal 1 luglio 2014 infatti sarà un giocatore libero e potrà decidere se cambiare maglia e città o restare ai Miami Heat, di sicuro non ripeterà “The decision” che gli ha procurato più problemi che benefici con l’opinione pubblica, ma il giocatore che dovrà fare questa importante scelta per la sua carriera è molto diverso da quello che ha lasciato i Cleveland Cavaliers nel 2010. E’ più maturo sia come giocatore che come uomo e in Florida sembra aver trovato la sua casa ideale, ma nell’NBA nulla è sicuro e quindi anche le dichiarazioni rilasciate in questo momento vanno prese per quello che sono, ben sapendo che le cose potrebbero cambiare velocemente.

    » LEGGI TUTTO